rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Cronaca

Green pass, spunta la gelateria ribelle: “Noi non lo chiediamo”. E diventa l'idolo dei 'no Gp'

La scelta del titolare della storica gelateria Baroncini: “Già preso una multa, ma andiamo avanti”

“Chi sono io per chiedere un lasciapassare ai miei clienti? Per di più, senza documento di identità, non ha alcun senso. Dunque noi non lo facciamo”. A parlare è Marco Ruocco, titolare insieme alla moglie della gelateria 'Baroncini', in via Celso, al Poggetto, esercizio storico fiorentino in attività da 75 anni.

Qualche giorno fa i due hanno postato sui social la foto di un cartello appeso all'interno della gelateria, in fondo al locale, dove si può leggere: “L'esibizione del G.P. e del S.G.P. (super green pass, ndr) è volontaria e non verrà richiesta sia nel rispetto della norma sulla privacy, sia perché senza essere accompagnato da un documento di identità che ne determina l'autenticità non ha valore. Pertanto chiediamo ai nostri graditi clienti la massima collaborazione e rispetto delle norme vigenti”.

Parole che sono rimbalzate tra gli oppositori del certificato verde, su Facebook, nel gruppo 'No Green Pass Firenze' ma non solo. “Ricevo telefonate di vicinanza da tutta Italia”, dice Ruocco. “Qui non c'entrano nulla i vaccini, il green pass è un elemento totalmente discriminatorio. Il mio locale è pubblico e devono potere entrare e consumare tutti”. A dispetto delle normative che ora impongono, per consumare, il certificato rafforzato.

Fatto sta che è arrivata già la prima multa. “Questa mattina (ieri, ndr) sono entrati due vigili in borghese, la sanzione da 400 euro è scattata perché quando sono entrati alcuni clienti per consumare al tavolino non ho chiesto loro nulla. Farò ricorso, non ho paura delle multe”.

Ma non ci sono solo le multe. Dopo una serie di sanzioni potrebbe scattare anche la chiusura temporanea del locale. “Lo vedremo, ci sarà da tribolare ma noi andiamo avanti”. Ne vale la pena? “Sì, certo, perché il green pass lo ritengo uno strumento totalmente ingiusto. La nostra clientela - assicura il titolare - è con noi”.

Gelateria Baroncini-2

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Green pass, spunta la gelateria ribelle: “Noi non lo chiediamo”. E diventa l'idolo dei 'no Gp'

FirenzeToday è in caricamento