Food: da Gambero Rosso la guida dei Pani&Panettieri d’Italia

La ricerca, lo studio, le sperimentazioni. Premiato un "fiorentino"

David Bedu credits Facebook

Novità tra le guide del Gambero Rosso. Ieri è stata infatti presentata a Roma la prima edizione edizione della guida Pane&Panettieri d'Italia. Una pubblicazione in cui si racconta ricerca, studio e sperimentazioni di coloro che sono considerati i "padri" della panificazione moderna. In tutto vengono segnalati 350 locali a cui sono stati assegnati voti da uno a tre. I parametri della valutazione hanno considerato il prodotto finito, il risultato finale, caratteristiche, stili, scuole e tecniche. I 36 panifici premiati con il massimo punteggio dei Tre Pani raccolgono anche 4 Premi speciali.

Padri della panificazione moderna, un premio riservato ai professionisti dai quali è partita la rivoluzione del pane moderno: Eugenio Pol - Vulaiga - Fobello (VC); - Davide Longoni - Milano; Ezio Marinato - Cinto Caomaggiore (VE); David Bedu - Pank La Boulangeria - Firenze; Gabriele Bonci - Roma; Panettiere emergente: Gianluca Del Canto del Micro Panificio Mollica - Carpi (MO); Pane dell`anno: Crosta - Milano - Pane di segale; "condito" con cioccolato costa d`Avorio di Marco Colzani; Pane e territorio: Cappelletti & Bongiovanni - Dovadola (FC).

David Bedu, francese di nascita ma fiorentino d'adozione, lavora da cinque anni all'interno del Mercato Centrale dove insieme ad alcuni soci ha partorito una boulangerie italo-francese che punta alla ricerca. Un cacciatore di materie prime come le farine macinate a pietra.  "Questa premiazione mi fa tanto piacere soprattutto nella sfida di Firenze.... città che amo tantissimo". "Sono francese nell'anima e fiorentino nel cuore... ma con un pizzico di sale".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Grazie di cuore sono orgoglioso di portare avanti Firenze nel mio mondo dell'arte bianca..." E come poteva essere altrimenti. Infatti durante il medioevo, San Lorenzo, da cui prende il nome l'omonimo angolo cittadino dove lavora Bedu, era il santo padrone della corporazione dei fornai. Coincidenze e fatiche che hanno fatto lievitare un impasto unico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Coronavirus: nuovo record di contagi in Toscana, oltre 2.000 nuovi casi e 13 decessi

  • Rifiuta di indossare la mascherina: caos in Piazza della Repubblica 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento