Stadio Artemio Franchi per atletica e rugby: “Non sarà abbandonato”

Nardella dà per “sicuro” il nuovo impianto a Novoli ma rassicura: “Forse resteranno anche le giovanili della Fiorentina”

Per il sindaco Dario Nardella la realizzazione del nuovo stadio a Novoli, sui terreni sud dell'attuale Mercafir, è “sicura”. Lo dice, questa mattina, ai microfoni di LadyRadio. Si apre così la questione del futuro dell'Artemio Franchi, che rischia di cadere nel dimenticatoio e nell'abbandono.

Già circola un appello on line per la riqualificazione dello storico impianto, appello che mette in guardia sui rischi di abbandono e di conseguente 'degrado' che potrebbero concretizzarsi.

“Questo non accadrà. Ho detto fin dall'inizio che lo stadio alla Mercafir non significherà l'oblio e l'abbandono del Franchi. Stiamo già lavorando, con l'assessore allo sport Guccione, pensando ad una nuova vita per l'impianto e per un rilancio dell'intero quartiere”, le parole del sindaco a LadyRadio.

“Del resto in tutte le città dove si pensa ad un nuovo stadio emerge la questione del vecchio. Guardate Milano, dove si parla di demolire il mitico San Siro. Non dobbiamo vivere come tabù il superamento dei vecchi stadi, succede ovunque, in Europa e nel mondo. Per fortuna il Franchi è un monumento nazionale e per legge non si può toccare né demolire”, aggiunge Nardella.

Ma quale sarà allora il futuro del Franchi? “Condivido l'idea di una consultazione a livello nazionale, una gara di idee su come riqualificarlo e riutilizzarlo. Coinvolgeremo anche la cittadinanza e il quartiere”.

“Ci sono tante possibilità. Potrebbe servire per l'atletica o per il rugby, anche per le partite della nazionale. Il Franchi può servire pure in ottica della candidatura alle Olimpiadi 2032 o per un'eventuale candidatura a futuri europei di atletica”, aggiunge il sindaco, che ipotizza all'interno del Franchi per il futuro anche “uffici o un museo sulla Fiorentina”. Saranno coinvolti i privati, tramite 'project financing'.

“E non è detto che la Fiorentina lo abbandoni del tutto. Il nuovo centro tecnico sarà a Bagno a Ripoli ma la società viola potrebbe destinare l'area ai settori giovanili". Un'ipotesi che sarebbe emersa parlando con il braccio destro di Commisso, Joe Barone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sempre con il coinvolgimento dei privati, il sindaco non esclude una riqualificazione che preveda anche la copertura, ma non quella prevista dal progetto di Casamonti. “Insomma la vitalità del quartiere di Campo di Marte sarà mantenuta - assicura Nardella -, e inoltre spariranno tutti i disagi, a partire dai parcheggi auto, che si verificano oggi ad ogni partita”.

Stadio Franchi: come potrebbe rinascere, il progetto / FOTO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente lungo la linea 1: camion si schianta sulla tramvia / FOTO

  • Le Frecce tricolori volano "a domicilio": il giro d'Italia passa da Firenze

  • Coronavirus: in Toscana positivo l'1%. Quattro su cinque sono asintomatici

  • Palazzo Vecchio senza soldi, Nardella: “Vado a cercarli in Cina”

  • Fase 2: hotel al collasso, lavoratori alla fame. Confindustria Firenze: "Situazione sociale sarà drammatica"

  • Coronavirus: 3 nuovi casi, 6 decessi. Punto più basso dei ricoverati dal 9 marzo

Torna su
FirenzeToday è in caricamento