rotate-mobile
Lunedì, 5 Dicembre 2022
Cronaca Il Poggetto / Via Taddeo Alderotti

Sfondata la porta a vetri: derubato bar / FOTO

La proprietaria: "Girano persone poco raccomandabili". Il consigliere Chelli: “L’area dell’ex Meccanotessile è ormai completamente fuori controllo”

Nella notte tra domenica e lunedì furto nel bar Tango di Via Taddeo Alderotti. Ignoti hanno sfondato la porta a vetri per poi rubare cento euro in monete, alcuni tablet utilizzati per le ordinazioni e delle bottiglie di birra. Sul posto è intervenuta la polizia.

La denuncia della proprietaria 

"La situazione è critica - racconta la proprietaria - ormai da tempo si susseguono furti. Il mese scorso è toccato a un ristorante cinese poco distante, per non parlare dei vetri infranti delle auto in sosta nei parcheggi".  "Girano persone poco raccomandabili, infatti non mi sento tranquilla, per questo abbiamo scritto all'assessore per avere maggiore sorveglianza soprattutto nella fascia notturna. I condomini dello stabile sopra al bar stanno preparando anche una raccolta firme". 

Il consigliere di Quartiere

Sull’episodio è intervenuto il consigliere (Fdi) di Quartiere 5 Matteo Chelli: “Piena solidarietà al bar Tango Caffè che nei giorni scorsi ha subito un furto con sfondamento della vetrina. È solo l’ultimo di una lunga serie visto che anche le altre attività di zona, negli ultimi periodi, hanno subito atti simili, talvolta due nel giro di soli dieci giorni. L’area dell’ex Meccanotessile è ormai completamente fuori controllo dal punto di vista della sicurezza. I cittadini ci segnalano continuamente episodi di degrado, spaccio e violenza. Al di là dei proclami del Sindaco Nardella, necessitiamo risposte certe da parte dell’Amministrazione sulle tempistiche per il recupero dell’enorme struttura abbandonata, da cui derivano molti dei problemi descritti”.

Furto nel bar Tango di Via Alderotti

L'area dell'ex Meccanotessile è abbandonata 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfondata la porta a vetri: derubato bar / FOTO

FirenzeToday è in caricamento