Piazza della Libertà: furto in auto al segretario della Lega

Su Facebook la denuncia di Scipioni: “Mi hanno rubato borsa, agenda personale, documenti politici ed effetti privati”

Qualche tempo fa era toccato al sindaco di Livorno Filippo Nogarin, l'altra sera invece a subire un furto in auto, con annessa frantumazione del vetro, è stato il segretario della Lega fiorentina Alessandro Scipioni.

E se il primo cittadino della città labronica aveva cercato di sdrammatizzare (“Con le auto non ho fortuna”, scrisse su Facebook), Scipioni non le manda certo a dire.

“La mia compagna ha subito il danneggiamento e intrusione di estranei nella propria auto e il sottoscritto ha subito il furto della propria borsa con effetti personali e documenti politici in pieno centro a Firenze. Firenze è una città insicura”, dice Scipioni, postando su Facebook le foto del furto, avvenuto tra domenica scorsa e lunedì.

“Un grande danno nonché un trauma per la mia compagna Elisa Tozzi. Tutto questo in piazza della Libertà, in pieno centro, appena dopo cena, con ancora gente negli uffici e sotto i porticati dei caffè”, scrive su Facebook Scipioni.

Post che non è sfuggito al Partito democratico - la campagna elettorale si giocherà molto anche sui social del resto – che ha replicato con la vicegruppo in consiglio comunale Francesca Paolieri, che scrive: “Scipioni si faccia da tramite verso il suo capo politico Salvini per avere a Firenze maggiori risorse e maggior personale”.

Furti su auto: serie di colpi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La palestra multata non ci sta: "Non paghiamo, pronti a ripartire quando sarà possibile"

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 18 novembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Coronavirus, Giani: "Possibile Toscana arancione a inizio dicembre"

  • Coronavirus, Giani: "Oggi 2.336 contagiati, dati si stanno stabilizzando"

  • Coronavirus, nuova ordinanza: vietato consumare cibo e bevande sul posto e nel raggio di 50 metri 

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 20 novembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento