Cronaca

Furti in casa nel Chianti: un arresto

Si cercano ancora due soggetti

Foto di Stefan Kuhn da Pixabay

Nei giorni scorsi la polizia di Stato ha dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Firenze su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di tre cittadini albanesi accusati di una serie furti in casa.

I tre, di età compresa tra i 25 ed i 27 anni, in Italia senza fissa dimora, sono ritenuti responsabili di cinque colpi in abitazione messi a segno il novembre scorso a Barberino Tavarnelle, San Casciano Val di Pesa e Impruneta.

Le indagini si sono sviluppate dopo che, durante un controllo, uno degli indagati era stato trovato in possesso di alcuni preziosi sottratti poche ore prima all’Impruneta.

L’analisi del traffico telefonico dei cellulari e dei sistemi di videosorveglianza hanno permesso di ricostruire i movimenti del trio.  

Gli investigatori hanno scoperto che, prima di ogni furto, il trio compieva de sopralluoghi in orario pomeridiano-serale per passare poi all’azione ed entrare nelle abitazioni dalle finestre o dalle portafinestre in assenza dei proprietari.

Uno dei due indagati è stato catturato a Maddaloni (CE), gli altri due al momento sono irreperibili in quanto risultano essersi allontanati dal territorio nazionale. La refurtiva recuperata è stata restituita ai legittimi proprietari.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Furti in casa nel Chianti: un arresto

FirenzeToday è in caricamento