Addio piccola Stella, il funerale a Campi

La bambina era stata trovata senza vita, in una borsa, abbandonata di fronte a una farmacia dell'Indicatore

Foto dal profilo Facebook di Laura Rimi

Stella, così è stata chiamata la piccola che a novembre era stata trovata senza vita in una borsa abbandonata davanti a una farmacia dell'Indicatore. Ieri il Comune di Campi Bisenzio ha organizzato il funerale prima rimandato per le indagini e poi per l'emergenza sanitaria.

Un gesto simbolico per salutare Stella un'ultima volta, alle celebrazioni erano presenti il sindaco di Campi, Emiliano Fossi, i dipendenti della farmacia, alcuni consiglieri e cittadini. 

Il ritrovamento del corpo della bambina ha scosso l'intera comunità che da quel momento si è interrogata "poter fare di più", per questo - ad esempio - è nato un progetto contro l'abbandono dei neonati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Foto dal profilo Facebook di Laura Rimi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 14 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Enoteca Pinchiorri: l'asta delle bottiglie ha fruttato più di 3 milioni di euro

  • Crisi Coronavirus, la Cgil: "Hotel Villa La Vedetta chiude, 15 dipendenti a casa"

  • Lavoro: posto fisso in Comune, concorso a Empoli

  • Sesto Fiorentino: scivola in bagno e batte la testa, muore 12enne

  • Caso positivo di Covid alla Dino Compagni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento