Addio padre Rosito, testimone dei giorni dell’alluvione

“Ha speso la sua vita per aiutare i fratelli a incontrarsi, anche attraverso arte e cultura”

Ieri ultimo saluto a padre Massimiliano Rosito, uno degli ultimi testimoni dei giorni drammatici dell’alluvione che colpì duramente le preziose opere d’arte del complesso monumentale di Santa Croce e per lunghi anni - soprattutto attraverso la rivista Città di vita - punto di riferimento nella vita spirituale e culturale della città di Firenze.

“Ha speso la sua vita per aiutare i fratelli a incontrarsi e a incontrare il Signore attraverso l’arte e la cultura”, ha messo in evidenza nel suo ricordo padre Franco Buonamano, ministro provinciale dell’Ordine dei Frati minori conventuali, che ha presieduto le esequie a cui hanno preso parte padre Paolo Bocci, rettore della basilica e numerosi confratelli. Padre Rosito, nato a Ferrandina, in provincia di Matera nel 1928, era stato insignito nel 2008 del Fiorino d’oro dal Comune di Firenze che ieri pomeriggio era rappresentato dall’assessore Alessandro Martini. Sono intervenuti anche il presidente del consiglio comunale Luca Milani e il consigliere della Città metropolitana di Firenze Nicola Armentano.

L’Opera di Santa Croce – che ha espresso profonda gratitudine per la testimonianza e l’opera di padre Rosito – era rappresentata dai consiglieri Ludovica Sebregondi e Giulio Conticelli e dal segretario generale Stefano Filipponi.

La morte di padre Rosito è avvenuta nelle prime ore di domenica al Convitto ecclesiastico di viale Machiavelli. Divenuto frate a 21 anni nella famiglia francescana dei Frati minori conventuali e in seguito ordinato sacerdote a Roma, ha trascorso a Firenze, in Santa Croce, larga parte della sua esistenza, svolgendo un ruolo di primo piano anche nei giorni drammatici dell’alluvione del 1966.  Nel dicembre 2008 era stato insignito dal Comune di Firenze del Fiorino d’oro “per la sua preziosa attività nella direzione della rivista Città di Vita e per il suo intenso e proficuo rapporto, intessuto di tante occasioni di incontro, con la città”.

Padre Rosito si è impegnato attivamente per la conservazione e l’accrescimento del patrimonio artistico e culturale della Basilica. Nelle ore tragiche della mattina del 5 novembre 1966 fu il primo a raggiungere il Cristo di Cimabue straziato dalla violenza dell’acqua e si prodigò con i confratelli per mettere in salvo quello che era rimasto dell’opera che sarebbe diventata il simbolo dell’alluvione. Padre Rosito ha seguito per decenni la pubblicazione della rivista Città di Vita, luogo del dialogo tra il pensiero filosofico e teologico francescano e la cultura contemporanea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Rifiuta di indossare la mascherina: caos in Piazza della Repubblica 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento