Cronaca

Rifredi: sorpreso a fumare in treno, in manette per una sigaretta

Uno dei due uomini è stato arrestato dalla polizia di Stato per la violazione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno

Foto di Ralf Kunze da Pixabay

Ieri pomeriggio gli agenti della polizia ferroviaria hanno arrestato un cittadino italiano di 26 anni per la violazione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno a seguito di una richiesta di intervento del personale di un convoglio Italo diretto a Salerno.

Secondo quanto ricostruito, l’arrestato si era trattenuto all’interno di un bagno del treno insieme ad un altro uomo, un cittadino marocchino di 36 anni, per fumare una sigaretta, causando così l’attivazione del sistema antincendio e, per qualche minuto, l’arresto del convoglio nella stazione di Rifredi.
All’arrivo del capotreno i due si sono rifiutati di fornire le proprie generalità, rendendo necessario l’intervento della polizia ferroviaria.

Accompagnati in ufficio, da approfonditi accertamenti è emerso che il 36enne nordafricano, poi denunciato per rifiuto di indicazioni sulla propria identità, era già noto alle forze di polizia, mentre l’altro era invece gravato dalla misura di prevenzione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno a Modica oltre alla misura cautelare dell’obbligo di dimora, sempre nello stesso comune. Terminati gli accertamenti quest’ultimo è finito in manette.

 
 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifredi: sorpreso a fumare in treno, in manette per una sigaretta

FirenzeToday è in caricamento