rotate-mobile
Cronaca

Inseguimento rocambolesco a Novoli: auto intestata a prestanome morto, dentro anche un etto di droga

Per bloccarlo sono intervenute diverse pattuglie


Oltre un etto di hashish in auto, arrestato dalla Polizia Municipale

Individuato alla guida di un mezzo non assicurato, il conducente ha tentato di sfuggire ma è stato bloccato dalle pattuglie del Reparto di Rifredi

Cerca di sfuggire al controllo della Polizia Municipale e alla fine quando viene fermato gli agenti scoprono che in auto aveva un panetto di hashish di oltre un etto. E' successo mercoledì pomeriggio, anche se la notizia si è diffusa nelle ultime ore.

Una pattuglia del Reparto di Rifredi durante un controllo in viale Redi ha scoperto che un’auto in transito non era assicurata oltre ad essere intestata a un noto prestanome, peraltro deceduto.

Gli agenti si sono quindi accodati all’auto in attesa di trovare uno spazio utile per fermarla. Il conducente, accortosi della vettura della Polizia Municipale, ha iniziato a fare manovre per sottrarsi all’inseguimento cercando di confondersi con le auto in transito e svoltando più volte nelle strade secondarie senza mettere la freccia. Nel frattempo, la pattuglia aveva chiesto l’intervento di colleghi e alla fine le due auto della Polizia Municipale lo hanno fermato in via Gordigiani.

Al momento della richiesta dei documenti, gli agenti sono stati insospettiti dal nervosismo del conducente che ha dichiarato subito di essere senza documenti. Ma, come hanno scoperto poco dopo le pattuglie, si trattava del male minore: dall’interno dell’auto arrivava infatti un forte e classico odore di stupefacente.

L'uomo è stato quindi accompagnato alla sede del Reparto e durante la perquisizione dell’auto è stato trovato un panetto di hashish incellofanato e sigillato del peso di 110 grammi.

A quel punto per l'uomo, un cittadino straniero già noto alle forze dell’ordine e che ha dichiarato di essere domiciliato in un altro comune toscano, è stato arrestato e la droga sequestrata. Il pubblico ministero di turno ha concordato con il provvedimento disponendo di trattenerlo fino alla direttissima in programma giovedì mattina.

Il giudice ha convalidato arresto e sequestro disponendo l'obbligo di dimora nel comune di domicilio con obbligo di firma in attesa del processo. Per l’uomo sono scattate anche le denunce per irregolarità nella normativa sull’immigrazione e per guida senza patente reiterata nel biennio. L'auto è stata sequestrata per mancanza di assicurazione e per il mancato aggiornamento della carta di circolazione.

Abbandona il mezzo, corre a cambiare e finge un (mai avvenuto) furto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inseguimento rocambolesco a Novoli: auto intestata a prestanome morto, dentro anche un etto di droga

FirenzeToday è in caricamento