rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca

Forteto, l'appello condanna ma riduce le pene

15 anni e 10 mesi per Fiesoli, 6 anni per Goffredi. L'impianto accusatorio ha retto

La corte d'appello di Firenze ha condannato i due principali imputati del processo Forteto: Rodolfo Fiesoli a 15 anni e 10 mesi, Luigi Goffredi a 6 anni. Le pene sono state lievemente ridotte a causa del sopraggiungimento delle prescrizioni: in primo grado Fiesoli era stato condannato a 17 anni e mezzo, Goffredi a otto anni. La sentenza ha dunque confermato nella sostanza l'impianto accusatorio della procura. La sentenza è arrivata stasera intorno alle 21, dopo che i giudici erano entrati in camera di consiglio 34 ore prima.

Dei 16 imputati è stato assolto l'ex presidente della cooperativa Stefano Pezzati, che in primo grado era stato condannato 4 anni e mezzo. Assoluzione anche per l'ex presidente dell'associazione Forteto Silvano Montorsi, a cui il tribunale aveva inflitto una pena di 3 anni e mezzo, e per Stefano Sarti, che aveva avuto 3 anni. La corte ha poi ridotto la pena a Daniela Tardani (da 7 a 3 anni e due mesi). La cooperativa è stata condannata al pagamento in solido dei risarcimenti, ma per un numero ridotto di vittime, mentre è stata revocata la condanna al risarcimento di una serie di enti costituitisi parte civile. Nel merito dei fatti sono dunque esauriti i gradi di giudizio, ma per diventare definitiva la sentenza dovrà attendere l'esito della Cassazione a cui certamente si appelleranno le parti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Forteto, l'appello condanna ma riduce le pene

FirenzeToday è in caricamento