Firenze Rocks, debutto da incorniciare / FOTO / VIDEO

È mancata la folla delle grandi occasioni ma i gruppi sul palco hanno reso la serata indimenticabile

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

Non c'era la folla delle grandi occasioni ma lo spettacolo non è di certo mancato. La prima giornata dell'edizione 2024 del Firenze Rocks è stata un crescendo di emozioni davanti a un pubblico proveniente da ogni angolo d'Italia e non solo visto che si potevano contare spettatori anche dalla Grecia e dall'Argentina oltre che statunitensi.

Ciliegina della giornata alla Visarno Arena, sicuramente il ritorno degli Avenged Sevenfold dopo 6 anni di assenza.

Ma non sono stati gli unici a mandare in visibilio il pubblico.

Già il gruppo di apertura, i Cemetery Sun, hanno portato da subito la dopamina alle stelle aprendo le danze alle 16,30. La band statunitense, paragonabile ad artisti del calibro di Twenty One Pilots e Linkin Park, coi suoi testi senza filtri – su tutti Fake Love, primatista di ascolti su Spotify su Spotify – combinati con la solarità californiana, ha trascinato i presenti dando il via a una giornata che si preannunciava un crescendo di emozioni.

Il duo britannico Bob Vylan, coi suoi suoni unici che fondono diversi generi musicali tra rock, punk, rap, dance e alternative, hanno alzato l'asticella col suo frontman che – come nei migliori concerti rock – si è anche lanciato sul pubblico facendosi trasportare mentre continuava a cantare. Numerosi i brani di “Bob Vylan Presents The Price Of Life”, disco vincitore del premio Kerrang come miglior album del 2022, che la band ha suonato durante la sua esibizione.

L'ultima 'portata' prima del gran finale, l'hanno scodellata i Bowling for Soup. La band punk rock texana, nominata anche ai Grammy e che ha raccolto migliaia di presenze durante i suoi tour europei e nordamericani nell'arco dei decenni, ha dato spettacolo oscillando tra pezzi vecchi e nuovi, coinvolgendo e diventando un tutt'uno col pubblico

Poi il lungo gran finale tanto atteso. Alle 21,30 in punto, gli Avenged Sevenfold hanno fatto il loro ingresso sul palco chiamati a gran voce dai presenti rendendo di fatto memorabile la loro unica tappa italiana. Da Game Over ad Afterlife, passando per Hail To The King, Nobody e le immancabili Nightmare e Mattel, la band ha fatto scatenare i presenti fino all'ultimo secondo di un concerto definito indimenticabile dai più.

E adesso, sotto col gran finale: il 15 giugno, arrivano i Tools.

Firenze Rocks 13 giugno 2024

Video popolari

FirenzeToday è in caricamento