Cronaca

Fiorini d'oro: tra i premiati, medici e infermieri pensionati rientrati in servizio per il Covid

La cerimonia di consegna da parte del sindaco si terrà per San Giovanni al Forte Belvedere

foto d'archivio

Esempi di eccellenza nell’impegno civico e sociale, nell’artigianato, nello sport e nella cultura. Queste le motivazioni alla base dei dieci Fiorini d’oro, la massima onorificenza della città di Firenze, che saranno consegnati ad altrettante personalità la sera del 24 giugno, giorno di San Giovanni. La cerimonia di consegna si svolgerà alle 18 al Forte di Belvedere.

I premiati

I premiati sono Manetti e Battiloro come esempio di artigianato d’eccellenza; l’Associazione Niccolò Ciatti e quella intitolata a Duccio Dini, in memoria di due giovani morti in circostanze drammatiche; la famiglia Pinzauti per LeoFrance e per il coraggioso investimento che l’azienda ha deciso di fare sull’Ex Seves; il Comitato minori abbandonati dallo Stato al Forteto; il sindaco di Ravenna Michele de Pascale per aver custodito con cura e devozione le spoglie del Sommo Poeta; Mina Gregori per una vita spesa nella storia dell’arte; il Banco Alimentare per la collaborazione data alla città in tempo di pandemia; i medici e gli infermieri che sono rientrati in servizio dalla pensione per fare i vaccini anti Covid-19 al Mandela Forum; i Canottieri comunali quali ‘sentinelle dell’Arno’.

Nardella: "Futuro di Firenze sia all'altezza del passato"

“Decidere a chi conferire il Fiorino d'oro, la massima onorificenza del Comune di Firenze, non è mai semplice - ha detto il sindaco Dario Nardella -. Dalla scelta di quest’anno emerge come Firenze sia una città che sa tenere insieme l’impegno civico e sociale per i cittadini più fragili e in difficoltà, la solidarietà, la valorizzazione dell'artigianato, lo spirito imprenditoriale, la cultura e lo sport”.

“La consegna del Fiorino d’oro è il grazie della città a coloro che si impegnano per Firenze - ha continuato Nardella -. È un modo per ringraziare le persone e le realtà che lo ricevono e per stimolarle a fare sempre di più e a portare il nome di Firenze sempre più in alto affinché il nostro presente e il nostro futuro siano all’altezza del nostro passato”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiorini d'oro: tra i premiati, medici e infermieri pensionati rientrati in servizio per il Covid

FirenzeToday è in caricamento