Palazzo Ferragamo, uffici in dimora storica, due indagati

Il cambio di destinazione d'uso concesso dal Comune di Firenze non convince gli inquirenti

La Procura di Firenze indaga su presunti abusi edilizi realizzati all'interno di una dimora storica nel centro di Firenze, in Borgo Santi Apostoli. 
Nel Palazzo ha sede il Gruppo Ferragamo e sarebbero stati ricavati spazi per uffici al posto di stanze di notevole pregio storico ed architettonico. Il magistrato Gianni Tei coordina il lavoro della Procura fiorentina: il direttore dei lavori e l'amministratore delegato della Società di Ferragamo che gestisce l'immobile sarebbero stati iscritti nel registro degli indagati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Ma chi ha concesso i permessi? Il Comune di Firenze, guidato da Matteo Renzi, ha sancito il cambio di destinazione d'uso da edificio residenziale a direzionale, una valutazione politica sulla quale pende l'inchiesta della magistratura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Firenze: le escursioni a due passi dal capoluogo toscano

  • Diakhate denunciato per aggressione: il calciatore si difende 

  • Coronavirus, focolaio in Mugello: 18 positivi e 300 in quarantena

  • Paura al parco delle Cascine: accoltellato più volte dal branco

  • Meteo: arrivano le piogge, scatta l'allerta

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze tra sagre e musica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento