Fatture false per milioni di euro e tasse evase: 'pizzicati' 3 imprenditori insospettabili

Operazione e maxi sequestro da parte della Guardia di Finanza, società farmaceutica nella bufera

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Firenze hanno dato esecuzione nei giorni scorsi – ma la notizia è stata diffusa solo oggi -, ad un provvedimento di sequestro “per equivalente” nei confronti di 3 amministratori (2 di nazionalità francese ed 1 italiano) di una società chimico - farmaceutica con sede a Reggello, nel Fiorentino.

Il provvedimento, emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Firenze, Antonella Zatini, consegue ad indagini condotte tra il 2017 e il 2018 dalla Guardia di Finanza su delega del Sostituto Procuratore della Repubblica del capoluogo toscano, Gianni Tei.

Il valore delle liquidità oggetto di sequestro supera i 600mila euro e corrisponde all’ammontare delle imposte sui redditi e sul valore aggiunto che sarebbero state evase dalla società farmaceutica tra il 2012 e il 2017, mediante, questa l'accusa, dichiarazione false.

In sintesi, la società, facente parte di un gruppo imprenditoriale tra i principali a livello mondiale con stabilimenti localizzati in tutto il mondo, avrebbe qualificato come costi - con conseguente abbattimento del proprio reddito e delle correlate imposte - quelli documentati da fatture emesse nei suoi confronti dalla società capogruppo stabilizzata in Lussemburgo.

Questi costi, tuttavia, si riferivano a prestazioni che, pur descritte come “servizi manageriali”, non erano mai state effettuate: la loro unica finalità era quella di consentire di far figurare, in maniera fraudolenta, redditi inferiori a quelli reali. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’ammontare complessivo delle operazioni inesistenti ha sfiorato i 6 milioni di euro, comportando anche evasioni all’imposta sul valore aggiunto (Iva) per circa 250 mila euro e all’Imposta Regionale sulle Attività produttive (IRAP) per oltre 270 mila euro.

Bancarotta, evasione e riciclaggio per milioni: arrestati due imprenditori

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colossale truffa nel mondo del vino: Brunello e Champagne falsi

  • Tragedia in centro: muore a 28 anni in un incidente stradale / FOTO

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Incidente a Bagno a Ripoli: muore 38enne fiorentino 

  • Il caso Palamara avvelena Firenze: giudice si prepensiona e accusa la presidente del Tribunale

  • Bancarotte a "catena" nei ristoranti: arrestati imprenditori 

Torna su
FirenzeToday è in caricamento