Fase 2: soltanto i parrucchieri soddisfatti dalla riapertura

Indagine di Confesercenti: orario allungato per i servizi di bellezza. Male la moda e la ristorazione

“E’ stata una riapertura in scuro-chiaro quello che ha caratterizzato i primi giorni dopo la riapertura: sofferenze per alcuni settori, in particolare per il mondo dei pubblici esercizi, della ristorazione e degli alberghi, a cui fanno riscontro il leggero sprint iniziale della moda ed i buoni risultati per parrucchieri ed estetiste”.

Queste le prime riflessioni di Nico Gronchi, presidente Confesercenti Toscana, sul post-riapertura. A pesare sui consumi è ancora l'onda lunga dell'emergenza e un ancora ridotto movimento di clienti che, insieme alla mancanza di turisti, è molto evidente nelle strade, nelle piazze, nelle vie dello shopping della Toscana.

“E’ chiaro che il bisogno di tornare al lavorare, in sicurezza e nel rispetto delle prescrizioni, era fortissimo in tutti i settori e in queste ore contiamo di chiudere anche sui protocolli per gli ultimi settori che devono ripartire come ad esempio campeggi, villaggi turistici o parchi tematici”, aggiunge Gronchi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo uno studio dell'associazione di categoria ben il 98% di parrucchieri toscani di dichiara soddisfatto, 10 punti sopra la media nazionale e quasi il 90% di parrucchieri ed estetisti hanno allungato l’orario di lavoro.

Nella moda invece solo il 25% la ritiene una buona partenza, sotto di ben 8 punti la media nazionale e solo un terzo dei negozi toscani ha messo in campo promozioni per la riapertura contro il 70% dei negozi del Nord Italia.

Solo un bar su quattro è soddisfatto della riapertura e solo il 7% tra ristoranti, pizzerie e trattorie i cui dati rischiano di essere allarmanti: dopo i primi giorni di riaperture a intermittenza, il 12% ha dichiarato di voler tornare a chiudere l’attività e aspettare ancora per riaprire.

Per tutte le attività poi, ben 9 su 10, sono eccessivi i costi per sanificazione, Dpi e nuova organizzazione lavoro, soprattutto nel caso di ristoranti e servizi alla persona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Coronavirus: gita in Sicilia, focolaio nel Chianti

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Viabilità: A1, chiudono l’uscita Firenze Scandicci e il parcheggio di Villa Costanza

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento