rotate-mobile
Domenica, 26 Giugno 2022
Cronaca Borgo San Lorenzo

False fatture per oltre 4 milioni di euro: imprenditore nei guai

Sequestrati beni per 2,8 milioni

I militari della guardia di finanza di Firenze hanno eseguito un decreto di sequestro preventivo, diretto e per equivalente, di beni e liquidità per oltre 2,8 milioni di euro, disposto dal gip del tribunale di Firenze su richiesta della procura, nei confronti di un imprenditore di origine cinese, operante nel campo degli empori e negozi non specializzati di prodotti non alimentari, per aver utilizzato nell’esercizio dell’attività di impresa fatture per oltre 4,4 milioni di euro ritenute afferenti ad operazioni inesistenti.

L’attività di indagine, condotta dalle Fiamme Gialle di Borgo San Lorenzo, è stata avviata sulla base di una serie di elementi informativi raccolti nel corso di attività di natura tributaria che inducevano a ipotizzare che oltre 20 imprese fornitrici, dislocate nel centro e nel nord Italia, anch’esse tutte riconducibili a soggetti sinici, oltre a non presentare le dichiarazioni fiscali e a non possedere la contabilità, fossero di fatto inesistenti.

Sulla base degli elementi sinora raccolti, le attività di polizia economico-finanziaria svolte hanno portato a ritenere, secondo l’ipotesi d’accusa vagliata dal gip, che l’indagato, oggetto dell’odierno provvedimento di sequestro preventivo, abbia per più anni utilizzato fatture ritenute per operazioni inesistenti per un valore di oltre 4 milioni di euro al fine di abbattere il proprio reddito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

False fatture per oltre 4 milioni di euro: imprenditore nei guai

FirenzeToday è in caricamento