Costringe la figlia a posare nuda in foto e si finge lei su Fb per incontrare giovani uomini

La donna, 52 anni, condannata a 7 anni di carcere dal tribunale di Firenze

Ha costretto la figlia di 14 anni a posare nuda in foto, poi si è introdotta nel suo profilo Fb e le ha inviate a giovani uomini, sostituendosi a lei per poterli conoscere e avere una relazione con loro.

Per questo una donna di 52 anni, imputata di sostituzione di persona, pornografia minorile e maltrattamenti in famiglia, è stata condannata a 7 anni di carcere dal tribunale di Firenze.  

La madre, è emerso dalle indagini coordinate dal sostituto Eligio Paolini, avrebbe anche indotto la figlia a uscire con un ragazzo di 19 anni, contattato tramite le foto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Costringendola infine al ricovero in ospedale, per lo stress emotivo causato dalla forzata frequentazione del ragazzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Enoteca Pinchiorri: l'asta delle bottiglie ha fruttato più di 3 milioni di euro

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 14 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Lavoro: posto fisso in Comune, concorso a Empoli

  • Crisi Coronavirus, la Cgil: "Hotel Villa La Vedetta chiude, 15 dipendenti a casa"

  • Caso positivo di Covid alla Dino Compagni

  • Sesto Fiorentino: scivola in bagno e batte la testa, muore 12enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento