rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca Pontassieve

Pontassieve, chimico non crede nella Repubblica e dà fuoco ai tombini

Il 46enne è stato arresto dai carabinieri dopo alcune esplosioni verificatisi a Pontassieve

Ieri sera paura nel comune di Pontassieve dopo che da due tombini sono esplosi, facendo riversare in piazza Pavese numerose persone alla vista del fuoco e fumo.  Sul posto sono accorsi i carabinieri che hanno rintracciato l’autore dell’esplosione, un 46enne fiorentino. Lo stesso, un chimico, aveva gettato una tanica di liquido infiammabile all’interno di un tombino. Alla richiesta dei carabinieri di fornire un documento, il 46enne si sarebbe rifiutato fornendo false generalità e poi facendo resistenza ai militari.  

Il 46enne è stato quindi arrestato per false attestazione e resistenza a pubblico ifficiale. Stamani - durante la direttissima - l'uomo, che si è difeso da solo, ha detto di non credere nella Repubblica. Il giudice, dopo aver convalidato il fermo, ha disposto una perizia psichiatrica. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pontassieve, chimico non crede nella Repubblica e dà fuoco ai tombini

FirenzeToday è in caricamento