Escort all'hotel Mediterraneo, secondo grado: l'accusa chiede di confermare le condanne

Davanti ai giudici della Corte D'Appello torna la vicenda che scandalizzò la città. E lambì Palazzo Vecchio

L'hotel Mediterraneo

“Non sono criminali né terroristi ma purtroppo il reato c'è e gli imputati vanno condannati per favoreggiamento della prostituzione”. Così il sostituto procuratore generale ha chiesto la conferma della condanna per tutti gli imputati al processo di appello sulla vicenda delle escort all'hotel Mediterraneo, l'inchiesta che nell'ormai lontano 2013 provocò un grosso scandalo in città lambendo anche Palazzo Vecchio.

Nel corso dell'udienza, l'accusa ha chiesto di giudicare nuovamente colpevoli l'orologiaio Franco Bellini, condannato a 3 anni in primo grado, i fratelli Marco e Simone Taddei, titolari dell'hotel Mediterraneo (rispettivamente a 2 anni e 3 mesi e a 2 anni e 1 mese), infine il procuratore sportivo Barend Krausz e Matteo Balatresi (a 2 anni).

“Gli imputati garantivano ad amici e conoscenti la disponibilità delle ragazze e offrivano il contatto diretto con loro, e a volte stabilivano anche i prezzi delle prestazioni, compiendo un'attività di intermediazione - ha aggiunto il sostituto procuratore generale - Si potrà discutere di quanto possa essere grave questo reato, ma il punto è chiaro: non è goliardia e la condotta degli imputati costituisce favoreggiamento della prostituzione”.

La vicenda risale a 7 anni fa, quando una moglie tradita denunciò le abitudini del marito all'hotel Mediterraneo. Così gli investigatori scoprirono che, attraverso un sito di appuntamenti on line, venivano organizzati incontri con prostitute nelle stanze dell'albergo e in appartamenti privati.

I clienti (tra cui medici e avvocati) prenotavano l'incontro e poi ricevevano un sms con l'ora e il numero della stanza o l'appartamento in cui recarsi. All'ora stabilita, entravano all'hotel senza alcun controllo e si recavano all'appuntamento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per mezz'ora di sesso erano disposti a pagare fino a 150 euro, per 'festini' e incontri 'particolari' fino a 2.000 euro. Si prosegue il 6 aprile con le arringhe dei difensori degli imputati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Crisi Coronavirus, la Cgil: "Hotel Villa La Vedetta chiude, 15 dipendenti a casa"

  • Caso positivo di Covid alla Dino Compagni

  • Coronavirus: nuovo caso a scuola, classe in quarantena

  • Detenuto per tentato omicidio ferisce un agente e scappa dal tribunale ammanettato: è caccia all'uomo in città

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 21 settembre 2020: le previsioni segno per segno

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento