Pusher in strada, sull'autocertificazione: "Fuori per spacciare la droga"

Arrestato dopo che era stato fermato durante i controlli per il rispetto delle norme sul contenimento del Covid-19

"Fuori perché devo spacciare", è la giustificazione data alla polizia da un cittadino marocchino di 33 anni dopo che era stato fermato in sella ad una bicicletta in Viale della Giovine Italia. L'episodio, che ha lasciato senza parole gli agenti del commissariato San Giovanni, si è verificato sabato sera. Indosso, nascosti negli slip, gli agenti gli hanno trovato sette dosi di cocaina.

I poliziotti, diretti dal primo dirigente Roberto Sbenaglia, avevano fermato il nordafricano per chiedere quale necessità o esigenza avesse per essere fuori viste le disposizioni stabilite per il rispetto delle norme sul contenimento del Covid-19.  Da qui la richiesta di compilazione dell'autocertificazione e la singolare risposta del 33enne. Quest'ultimo è stato arrestato per detenzione ai fini di spaccio e sanzionato per non aver rispettato le limitazioni sul coronavirus. L'arrestato è stato convalidato, per il 33enne è stato disposto il divieto di dimora nel comune di Firenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "La Toscana torna arancione dal 4 dicembre"

  • Coronavirus: Giani preme per anticipare il ritorno in zona arancione (e gialla)

  • Natale: 6 libri ambientati a Firenze da mettere sotto l'albero

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Coronavirus, Giani: "Toscana arancione da domenica"

  • Ex Panificio Militare: i lavori per la nuova Esselunga slittano ancora

Torna su
FirenzeToday è in caricamento