Peretola, residenti esasperati: "Spaccio di droga continuo, qui è terra di nessuno"

Un ragazzo della zona ha creato una pagina Facebook per denunciare la situazione: "Ho taggato anche il sindaco ma non succede niente"

Foto pubblicata su Facebook, una vecchia protesta dei residenti di via Pietri

Spaccio di droga, litigi, rifiuti. La denuncia arriva da alcuni residenti di via Pietri, in fondo a via Baracca, zona Peretola. Si tratta della strada che costeggia la struttura della Caritas, dove si offrono pasti e altri servizi alle persone in difficoltà.

"I giardinetti pubblici di fronte alla struttura sono terra di nessuno. Molti di coloro che vi stazionano sono quelli che poi usufruiscono dei servizi della Caritas", spiega al telefono uno dei residenti della zona, un ragazzo di appena 24 anni, preoccupato di quanto succede, al pari della compagna (i due hanno un bimba piccola).

"Ad ogni ora del giorno lo spaccio è senza sosta. Ma non solo. L'area è piena di rifiuti. I litigi scoppiano di continuo e molti urinano lì all'aperto. Chiamiamo spesso le forze dell'ordine. Qualche controllo e poi tutto torna come prima", prosegue il giovane, che chiede l'anonimato.

Per denunciare quanto accade è stata aperta una pagina Facebook, 'Il Degrado di via Pietri', dove si vedono foto e video eloquenti che mostrano quello che il ragazzo racconta a voce, dallo spaccio ai rifiuti.

"Una beffa periodica avviene il mercoledì sera. Con la pulizia delle strade vengono multate le auto dei residenti ma non i furgoni e i camper 'dormitori'. Fino a poco tempo fa c'era un vero e proprio 'racket del materasso', con giacigli affittati notte per notte", assicura il 24enne. "Ho 'taggato' tutti, dai partiti politici al sindaco Dario Nardella, ma non cambia nulla".

Nelle foto postate su Facebook si vedono poi persone dormire nel giardinetto. Evidentemente è una questione di disagio sociale estremo, relegata, come molte altre, alla periferia. Riguarda anche persone, di fatto, senza nulla e non per forza 'tutti delinquenti', come molti, sempre più, etichettano chiunque si trovi a dover dormire in strada.

Sicuramente però una situazione esplosiva della quale anche Palazzo Vecchio dovrebbe farsi carico. I residenti lo chiedono a gran voce.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La trattoria Mario è la vincitrice di Quattro Ristoranti

  • Sangue in Piazza Stazione: accoltellato con una mannaia 

  • Sciopero benzinai: i distributori aperti il 6 e 7 novembre

  • Prima nevicata in Toscana | FOTO

  • Novoli: sorpreso sulla tramvia senza biglietto si mette nei guai da solo

  • Coverciano: pino cade sulle auto parcheggiate / FOTO

Torna su
FirenzeToday è in caricamento