Droga, bloccata una nave carica di cocaina: tre tonnellate e mezzo per quasi mezzo miliardo di euro. E' il secondo sequestro di sempre in Italia

Al porto di Livorno. Operazione della Dda della procura di Firenze coi carabinieri labronici

Gigantesco sequestro di cocaina in Toscana, il secondo di sempre in Italia. Il carico è arrivato a bordo di una nave, bloccata al porto di Livorno dai carabinieri coordinati dalla Dda della Procura di Firenze in collaborazione con quella di Marsiglia, Francia.

La nave, battente bandiera delle Isole Marshall, proveniente dalla Colombia, trasportava un container contenente 3 tonnellate, tre quintali e 30 kg di cocaina. La droga era occultata all’interno di zaini, ognuno contenente circa 40 chili di cocaina.

Lo stupefacente, dal valore di quasi mezzo miliardo di euro, è stato sequestrato dai carabinieri, mentre gli zaini svuotati sono stati riempiti di altro materiale. I militari hanno lasciato solo un chilo di cocaina, quindi hanno fatto ripartire la nave.

Ieri l'imbarcazione ha fatto scalo al porto di Genova, dove è stata imbottita di microspie dai militari livornesi del nucleo investigativo del maggiore Michele Morelli e da quelli del reparto operativo guidati dal tenente colonnello Armando Ago. Quindi è ripartita alla volta di Marsiglia, dove è arrivata oggi.

All’arrivo della nave nel porto francese, si sono presentate tre persone con un camion che hanno prelevato gli zaini (con la cocaina lasciata a bella posta dai carabinieri) e li hanno portati in una villa. Qui, i tre sono stati arrestati dalle forze dell'ordine francesi e italiane.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il maxi quantitativo di stupefacente sequestrato è stato messo in un caveau della città labronica dagli investigatori del Comando Provinciale dei Carabinieri di Livorno comandati dal colonnello Massimiliano Sole, guidati dal procuratore capo di Firenze Giuseppe Creazzo insieme ai sostituti Luca Tescaroli, Eligio Paolini e Beatrice Giunti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm: slitta la firma, tutti i dubbi delle Regioni

  • Montespertoli: si getta nel vuoto dopo una lite in casa, muore quindicenne

  • I migliori locali low cost d'Italia, cinque sono a Firenze. Ecco dove mangiare bene e spendere poco

  • Ristoranti, due locali di Firenze nella classifica dei migliori ristoranti di lusso

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da lunedì

  • Coronavirus: nuovo record di contagi in Toscana, oltre 2.000 nuovi casi e 13 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento