Fermati in A1 con 300 grammi di khat, la 'droga dei poveri'

In arrivo da Roma, erano diretti a Bolzano

Sono stati fermati dalla polizia stradale sull'autostrada A1 nei pressi di Arezzo con circa 300 grami di 'khat', la cosiddetta 'droga dei poveri'.

I due, un ragazzo e una ragazza originari della Somalia, entrambi di 20 anni, erano a bordo di un bus di linea diretto a Bolzano che avrebbe dovuto transitare anche da Firenze.

Lo stupefacente, che in passato ha visto anche 'turismo di consumo' a Londra, perché in Inghilterra non è illegale, era nascosto in una scatola, diviso in 13 sacchettini di plastica. All'interno di ognuno c'erano appunto foglie di khat.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I due giovanissimi, come ha ricostruito la polizia, erano giunti in Italia nell’ottobre scorso a Lampedusa su un gommone. Sono stati arrestati, mentre i 300 grammi di foglie di khat sono stati sequestrate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 14 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Enoteca Pinchiorri: l'asta delle bottiglie ha fruttato più di 3 milioni di euro

  • Lavoro: posto fisso in Comune, concorso a Empoli

  • Crisi Coronavirus, la Cgil: "Hotel Villa La Vedetta chiude, 15 dipendenti a casa"

  • Sesto Fiorentino: scivola in bagno e batte la testa, muore 12enne

  • Caso positivo di Covid alla Dino Compagni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento