Droga, per spacciare nascondono cocaina nel lucchetto della bici: arrestati due fratelli

Sono stati fermati dalla polizia

Si erano ingegnati per nascondere la droga in un posto sicuro o meglio in un oggetto sicuro, dato che si trattava del lucchetto della bicicletta.

Il nascondiglio è stato scoperto la notte scorsa dalla polizia durante un controllo mirato al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi della Stazione Santa Maria Novella.

Proprio in zona, i “Falchi” della Squadra Mobile stavano tenendo d’occhio due cittadini marocchini che continuavano a parlare tra loro fin quando non sono stati avvicinati da un’autovettura con a bordo una coppia di giovani, un uomo ed una donna.

Uno dei sospetti è salito a bordo della macchina che è poi ripartita verso Borgo Ognissanti, seguita dai poliziotti motociclisti in borghese.

Appena l’auto si è fermata è scattato il controllo e gli agenti hanno sorpreso la donna che stava per sniffare una striscia di cocaina dallo smartphone.

La polizia è subito intervenuta effettuando anche un controllo presso il domicilio in zona del cittadino marocchino, ritenuto dagli inquirenti il materiale spacciatore dello stupefacente.

Nella sua abitazione sono stati rinvenuti un tablet e due telefonini rubati (oggetti che in parte sono già stati restituiti ai legittimi proprietari).

Durante l’operazione uno degli agenti, che era rimasto in strada, si è visto arrivare in bicicletta il fratello del pusher.

Quest’ultimo ha tentato di evitare il controllo ma è stato subito bloccato. La polizia ho poi scoperto che il fermato nascondeva altra cocaina nel lucchetto della bicicletta.

Al momento i due fratelli, 38 e 30 anni, sono stati rispettivamente denunciati per spaccio e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Entrambi dovranno anche rispondere della ricettazione degli apparecchi elettronici rubati, recuperati dalla polizia nella loro abitazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La montagna vicino Firenze: le escursioni a due passi dal capoluogo toscano

  • Diakhate denunciato per aggressione: il calciatore si difende 

  • Coronavirus, focolaio in Mugello: 18 positivi e 300 in quarantena

  • Paura al parco delle Cascine: accoltellato più volte dal branco

  • Meteo: arrivano le piogge, scatta l'allerta

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze tra sagre e musica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento