menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dpcm e movida, Nardella critica il coprifuoco: "Impossibile" 

Di avviso simile anche il presidente dell'Anci 

Il sindaco Dario Nardella critica la possibilità offerta ai primi cittadini di istituire mini zone rosse in funzione antimovida, chiudendo strade o piazze con l'obiettivo di arginare i contagi da Covid-19. Un giudizio che arriva dopo il via al numero chiuso in Piazza Santo Spirito, che però ha comportato lo spostamento della movida in altri punti della città, avvenuto la scorsa settimana al termine di una riunione in Prefettura del Comitato per l'ordine e la sicurezza (Cosp).  

Il nuovo Dpcm di Conte

No ai sindaci "sceriffi"

"So che la situazione è difficile ma lasciare sulle spalle di noi sindaci la scelta delle zone dove imporre e controllare il #coprifuoco è impossibile - scrive Nardella sui social network -  Il Governo corra ai ripari subito e cambi questa regola. #dpcm".

Nardella fa eco alle parole dell'omologo di Bari, nonchè presidente dell'Anci, Antonio Decaro, che subito dopo l'annuncio del premier ha commentato in modo duro la possibilità data nel Dpcm. 

"Il governo, senza nemmeno affrontare il tema nelle numerose riunioni di queste ore, inserisce in un Dpcm una norma che sembra avere il solo obiettivo di scaricare sulle spalle dei sindaci la responsabilità del coprifuoco agli occhi dell'opinione pubblica. Questo non lo accettiamo".

 
"Ci saranno le forze dell'ordine a controllare le aree pubbliche in cui sarà vietato l'ingresso e a riconoscere residenti e avventori dei locali? - fa notare Decaro -  I cittadini non si sposteranno da una piazza a un'altra? Nei momenti difficili le istituzioni si assumono le responsabilità non le scaricano su altre istituzioni con cui lealmente dovrebbero collaborare. I sindaci sono abituati ad assumersi le loro responsabilità. Vorremmo che tutte le istituzioni facessero lo stesso".  


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento