Cronaca Pitti / Piazza de Pitti, 1

Dostoevskij a Firenze

Fedor Michajlovic Dostoevskij

Firenze una delle città in cui prima o poi gli artisti arrivano per trovare ispirazione, per immergersi nella storia e per mangiare un po’ del nostro buon cibo accompagnato da dell’ottimo vino.

Oltre a Percy Bysshe Shelley, Mary Shelley, Hans Christian Andersen, Pëtr Il'i? ?ajkovskij anche Fedor Michajlovic Dostoevskij. A testimoniare la sua presenza nella città gigliata è una targa al numero 22 di palazzo Pitti.

Dostoevskij divenuto famoso con il romanzo “Povera gente” fu condannato a morte nel 1849 per partecipazione a società segreta con scopi sovversivi. Il 19 dicembre dello stesso anno lo zar Nicola I commutò la condanna a morte in lavori forzati a tempo indeterminato. Dopo quattro anni in Siberia partì verso l’Europa con la moglie.

A Dresda iniziò a scrivere il romanzo “L’idiota” che concluse proprio a Firenze. Questo diventò uno dei suoi romanzi più celebri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

FirenzeToday è in caricamento