Ponte Santa Trinita, installati nuovi dissuasori per impedire la discesa sulla pigne

Le modifiche decise assieme alla Soprintendenza

Sono stati installati i nuovi dissuasori e cartelli di pericolo per impedire di scavalcare il parapetto e accedere alle pigne del ponte Santa Trinita, secondo il progetto di variante autorizzato dalla Soprintendenza.

L'intervento, necessario per completare il progetto per la sicurezza delle pigne del ponte, è stato realizzato dai Servizi tecnici del Comune e consente di ottenere una maggiore sicurezza anche rendendo più visibili i cartelli nella nuova versione a fondo marrone e scritta bianca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Realizzata anche la modifica all'attacco del dissuasore alla pietra del ponte richiesta dalla Soprintendenza. A verificare la nuova sistemazione è stata l'assessore ai Lavori pubblici Alessia Bettini nel corso di un sopralluogo con i tecnici al ponte Santa Trinita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Coronavirus: gita in Sicilia, focolaio nel Chianti

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Viabilità: A1, chiudono l’uscita Firenze Scandicci e il parcheggio di Villa Costanza

  • Crisi Coronavirus: chiude lo storico Gran Caffè San Marco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento