rotate-mobile
Cronaca

Leopolda 2021, dopo l'attacco ai magistrati Renzi chiude la tre giorni / DIRETTA

Terzo giorno della kermesse, le conclusioni del leader oggi saranno politiche

Terzo e ultimo giorno, oggi domenica 21 novembre, dell'11esima kermesse renziana. Dopo i saluti di Giani venerdì e quelli di Nardella ieri, giornata contrassegnata ieri dai tavoli tematici e dall'attacco di Matteo Renzi ai pm fiorentini, in una difesa a tutto campo sull'inchiesta Open, che lo vede indagato per finanziamento illecito ai partiti, le conclusioni di oggi, attese per l'ora di pranzo, promette Renzi, saranno politiche. Ieri anche una contestazione fuori dalla Leopolda per i legami di Renzi con l'Arabia Saudita e con il principe ereditario Bin Salman, indiziato come mandante dell'omicidio del giornalista Jamal Kashoggi.

Ore 13:00 - Un lungo intervento di Renzi chiude l'11esima Leopolda. "Si voterà nel 2022 e le elezioni si vincono al centro", dice il leader di Iv (qui l'articolo sull'intervento di Renzi).

Ore 12:30 - Anche Teresa Bellanova, senatrice ed ex ministra dell'agricoltura, parla di "riformismo" e scenario politico futuro. Tutti interventi che sembrano un preludio alle conclusioni di Renzi. "Noi siamo autonomi, non andremo né con i populisti né con la destra sovranità. La Leopolda è il luogo del riformismo", dice Bellanova. Anche l'ex ministra, come tanti oratori e come ripete spesso lo stesso Renzi, si dice "orgogliosa del fatto che abbiamo mandato a casa Conte".

Ore 12:20 - Anche il coordinatore nazionale di Italia viva Ettore Rosato parla delle future possibili alleanze e del nuovo progetto politico, di cui ci si aspetta parlerà Renzi nell'intervento finale. "Hanno trasformato il Pd in una baracca politica. Noi dobbiamo costruire un'altra casa se inseguono Taverna (5 Stelle, ndr) e compagni", attacca Rosato. "Una casa europea. Deve essere la casa di chi si riconosce nel governo Draghi e non lo vede come conseguenza faticosa, ma con la convinzione che Draghi sia di un'autorevolezza straordinaria e che questa maggioranza eterogenea ma efficace e coesa sia quello che serve in questo momento. Chi si riconosce in una leadership naturale di Draghi con noi può fare un percorso insieme. Italia Viva serve in questo e serviamo ancora di più. Vogliamo una casa alternativa ampia, europea, contro populismi e demagogia".

Ore 12:00 - Sul palco della Leopolda la ministra per le pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti. "Due anni fa da qui lanciammo il Family Act, oggi abbiamo trasformato quel sogno in un pezzo di realtà", rivendica la ministra. Allo stesso modo, rivendica "di aver fermato Salvini quando voleva i pieni poteri", con il sostegno al governo del Conte 2, e allo stesso tempo rivendica di averlo fatto cadere quel governo e di aver fatto arrivare sulla poltrona di presidente del consiglio Mario Draghi.

Ore 11:30 - Rimbalza sui social il post su Facebook dell'ex presidente della Regione Enrico Rossi. "Renzi se la prende con tutti coloro che andavano alla Leopolda e ora gli hanno girato le spalle, li definisce 'vigliacchi e mediocri', esagerando come fa sempre, li ritiene 'politicamente coinvolti'. Solo per chiarezza: io - scrive Rossi -, alla Leopolda non sono andato neppure come presidente della Regione Toscana a portare un saluto". Chiara la frecciata all'attuale presidente Giani, che alla Leopolda ha parlato nella prima serata, con parole di grande elogio per Renzi e per Italia Viva.

Ore 11:20 - Prende la parola la sindaca di San Lazzaro di Savena, nel Bolognese, Isabella Conti, che ricorda la vittoria giudiziara "contro la colata di cemento che volevano fare nel mio paese", sancita nei giorni scorsi dal Consiglio di Stato. "Una vittoria storica, che dice a tutti gli amministratori che se perseguono l'interesse pubblico alla fine la giustizia è dalla loro parte. Non smettiamo di credere nella giustizia giusta. Siccome ci credo - aggiunge -, non possiamo rimanere indifferenti a quello che accade a Renzi". Poi anche Conti si scaglia contro chi, secondo la sindaca "con viltà sta tacendo. Anche loro potranno subire questo stesso metodo in futuro".

Ore 11:00 - Maria Elena Boschi riprende in gran parte le parole usate ieri da Renzi per difendersi dall'inchiesta Open e attaccare i pm fiorentini. "La macchina del fango non l'abbiamo organizzata ma l'abbiamo subita", dice Boschi, stesse parole di Renzi. Come anche sul bollare come "vigliacchi" coloro che, e il messaggio è tutto per i Pd ex renzianissimi, un tempo frequentavano la Leopolda e oggi se ne tengono ben distanti. Distanti anche, come ricordava ieri Renzi, "dall'esprimermi solidarietà in questa vicenda". "Contro mio padre", prosegue poi Boschi, ripercorrenso le vicende di Banca Etruria, "si è scatenata la gogna mediatica", ma poi, prosegue, "ne è uscito completamente assolto". Poi stoccata a Lega, Fratelli d'Italia e 5 Stelle. "Chi pensa di andare con Salvini e Meloni o con Conte e Taverna può
andarsene. Noi saremo sempre contro i populisti, saremo sempre da un'altra parte".

Ore 10:45 - "E' necessario creare un fronte riformista ampio, aperto anche alla mia famiglia politica. Mi sono opposto con forza all'adesione dei 5 Stelle al Pse (Partito socialista europeo, ndr). Il Pse non è un albergo a ore di sovranisti e populisti e partiti anti sistema. Anche in Italia serve un fronte riformista largo", chiede Riccardo Nencini, presidente del Partito socialista, che sembra dunque chiedere di aprire al suo movimento la nuova creatura politica centrista a cui lavora Renzi, che potrebbe includere tra gli altri  Calenda, Forza Italia e altri.

Ore 10:30 - Intervento dell'astronauta Luca Parmitano, che ha parlato tra le altre cose dei prossimi obiettivi delle missioni spaziali internazionali: cercare la vita nel sottosuolo di Marte.

Ore 10:15 - Sul palco il professor Marco Fortis, economista ed editorialista de 'Il Sole 24 Ore', il quotidiano che fa capo a Confindustria, che elogia Draghi in quanto "ha permesso all'economia di ripartire".

Elogi sperticati anche per Renzi e il suo governo 2014-2016. "Quello che vediamo oggi è il risultato di un'azione che viene da lontano, dalle riforme di Renzi e di Gentiloni, grazie ad iniziative che hanno permesso all'economia di rafforzarsi e che sono alla base della ripresa che stiamo vivendo", assicura Fortis, secondo il quale inoltre "dal 2015 al 2018 abbiamo avuto un quadriennio d'oro. E' una storia che non si sente perché significa dire che Renzi e i suoi ministri hanno governato bene". Applausi scroscianti dalla platea renziana.

Ore 9:50 - Sul palco l senatore Davide Faraone (fautore dell'accordo tra Italia Viva e Forza Italia in Sicilia in vista delle prossime regionali sull'isola) e il deputato Roberto Giachetti danno il via alla terza giornata.

La diretta video dalla Leopolda / VIDEO

La contestazione a Renzi / LE IMMAGINI

Tutto sull'inchiesta Open, accuse e indagati

Inchiesta Open, Renzi attacca i magistrati: "Violata la Costituzione"

Tutto quello che è successo nella seconda giornata

FOTO - Renzi contestato alla Leopolda

Dentro la Leopolda 11 di Renzi / LE IMMAGINI

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Leopolda 2021, dopo l'attacco ai magistrati Renzi chiude la tre giorni / DIRETTA

FirenzeToday è in caricamento