Detenuto muore nel carcere di Sollicciano 

Il 45enne è morto dopo essere stato al campo sportivo ed aver fatto ritorno nella sezione carceraria

Ieri pomeriggio un detenuto di origine albanese, 45enne, condannato in via definitiva fino a febbraio 2017 per spaccio di sostanze stupefacenti, è morto dopo essere stato al campo sportivo del carcere di Sollicciano ed aver fatto ritorno nella sezione carceraria. A darne notizia la segretaria regionale dell’OSAPP.

“Apparentemente trattasi di morte naturale – si legge in una nota - causata da un probabile infarto ma, a quanto ci è dato sapere, sarebbe stata disposta l'autopsia per avere certezze in merito.  Questo è il nono suicidio da quando si è registrato il cambio di Direttore e ci domandiamo se sia il caso, secondo noi si, di sospendere l'attività sportiva all'aperto nelle ore pomeridiane quando il caldo si fa maggiormente opprimente.  Appare evidente a questa O.S. la necessità di evitare tali rischi soprattutto per quei detenuti che non hanno un'attestazione medica di idoneità all'attività sportiva e, nel caso specifico, non sappiamo se c'era tale idoneità”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Colossale truffa nel mondo del vino: Brunello e Champagne falsi

  • Coronavirus: 9 nuovi casi, focolaio a Impruneta

  • Coronavirus Toscana, 3 nuovi focolai. Ordinanza di Rossi: "Contagiati vadano in albergo o multa di 5.000 euro"

  • Gignoro: malore per l'autista Ataf, perde il controllo del bus e si schianta. Chiusa via del Guarlone | FOTO

  • Il caso Palamara avvelena Firenze: giudice si prepensiona e accusa la presidente del Tribunale

  • Rissa in spiaggia, denunciati sei giovani fiorentini

Torna su
FirenzeToday è in caricamento