menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Detenuti incendiano una cella del carcere di Prato, evacuato

Ieri sera alcuni detenuti hanno incendiato una cella del carcere di Prato. La Uil chiede conferme per garantire l'ordine nelle strade e nei penitenziari

Ieri sera alcuni detenuti, di origini straniere, hanno incendiato le suppellettili all’interno di una cella del carcere di Prato. I fumi sprigionatisi sono stati intensi a tal punto da richiedere l’evacuazione dell’intera sezione. A dare la notizia la Uil, tenendo a ribadire da una lato la professionalità degli agenti di polizia penitenziaria dall’altro le condizioni in cui sono costretti ad operare i secondini.

Poi un passaggio alla manifestazione di ieri della forze dell’ordine nelle piazze italiane: “Non possiamo non essere soddisfatti della vicinanza e della solidarietà che la gente comune ci ha espresso nei tanti presidi organizzati ieri in molte città. Quelli sono sentimenti sinceri che ci danno ulteriore motivazione per continuare nel nostro lavoro. Vogliamo auspicare – dice il segretario del sindacato Eugenio Sarno – che dopo le parole di Maroni al Senato e gli applausi bipartisan all’annuncio di voler rivedere i tagli alla sicurezza i nostri parlamentari non perdano l’occasione per dimostrarsi coerenti. Noi non siamo scesi in piazza, come pure avremmo potuto e dovuto, per chiedere aumenti salariali e tutele economiche. Noi siamo scesi in piazza per chiedere che ci si metta nelle condizioni di lavorare per garantire sicurezza ed ordine pubblico. Di certo se manca la benzina negli automezzi, mancano le volanti, mancano gli agenti nelle carceri, non si può garantire vigilanza ambientale e non si possono garantire i soccorsi pubblici è l’intera collettività a pagarne un caro prezzo. Manifestazione degli indignati a Roma docet “
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento