Cooperante fiorentino morto a Capo Verde: al via l'autopsia in Italia

Indagini in corso

Questa mattina è iniziata l’autopsia (disposta dal pm romano Erminio Amelio) su David Solazzo, il cooperante fiorentino trovato morto il primo maggio nella sua casa nell'isola di Fogo, a Capo Verde.

La notizia della morte del giovane 

Il corpo del trentenne è rientrato in Italia sabato scorso. La famiglia ha presentato un esposto alla Procura di Roma che ha aperto un fascicolo per omicidio colposo.

 Il ragazzo si trovava nell'arcipelago della costa nord occidentale dell'Africa per coordinare per l'Ong Cospe,  il progetto 'Rotas de Fogo', che punta alla realizzazione di azioni per il rafforzamento del turismo rurale e sostenibile nell’Isola di Fogo.

Di fatti era già stata disposta un’autopsia nell’ambito dell’inchiesta dell’autorità locale. L’esame aveva stabilito che David sarebbe morto per un'emorragia provocata da tagli profondi sul braccio destro.

L’autopsia sul corpo di David a Capo Verde

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani: "La Toscana torna arancione dal 4 dicembre"

  • Coronavirus, Giani: “Con questi numeri Toscana gialla o arancione”

  • Coronavirus: nuova ordinanza in Toscana  

  • Natale: 6 libri ambientati a Firenze da mettere sotto l'albero

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 25 novembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 27 novembre 2020, le previsioni segno per segno

Torna su
FirenzeToday è in caricamento