Il braccio mutilato del David

Chiamarla statua sembra quasi un’offesa tanto i suoi tratti sono umani ed i particolari perfetti, come tutte opere del grande maestro

Il David di Michelangelo

Famoso in tutto il Mondo, è considerato “l’oggetto” artistico più bello mai realizzato dall’uomo, si trova a Firenze ed è stato creato da un fiorentino è il David di Michelangelo. Chiamarla statua sembra quasi un’offesa tanto i suoi tratti sono umani ed i particolari perfetti, come tutte opere del grande maestro d’altronde.

Quest’opera magnifica era stata commissionata dall'Arte della Lana e dagli Operai del Duomo di Firenze ed era destinata ad uno dei contrafforti esterni posti nella zona absidale della cattedrale di Santa Maria del Fiore, ma l’esecuzione fu talmente perfetta che necessitava un luogo d’onore. Fu deciso di posizionata a lato della porta principale di Palazzo Vecchio.

Per colpa di una serie di vandalismi, sfortunate vicissitudini e per cercare di preservare la bellezza non solo della scultura ma anche del marmo fu trasferita, nel 1872, nella Galleria dell’Accademia, solamente nel 1911 fu posizionata al suo posto una copia.

Precedentemente al suo spostamento si racconta che durante la seconda cacciata dei Medici, il 26 aprile del 1527, ci furono dei tumulti in città e un gruppo di repubblicani, da Palazzo Vecchio, lanciarono dalle finestre pietre, tegole e mobili, che andarono a colpire anche sul David, causando la frantumazione del braccio sinistro in tre pezzi e la scheggiatura della fionda all'altezza della spalla.

Si narra che i giovani Giorgio Vasari e Francesco De Rossi, detto Cecchin ed in arte Federico Salviati, raccolsero i frammenti del braccio e li nascosero in casa del padre di Cecchin.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Solo cinquant’anni dopo con il ritorno del Granduca Cosimo I si provvide al restauro riassemblando le parti del braccio recuperate dai due artisti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus, verso un nuovo Dpcm: ipotesi 'coprifuoco' alle 22 ovunque

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus, impennata di nuovi casi: 755 in Toscana 263 a Firenze  

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento