rotate-mobile
Domenica, 25 Settembre 2022
Cronaca Vinci

Da Vinci alla Bulgaria, il ballerino 18enne Lorenzo Poggianti sui palchi di Varna: “Un sogno”

A 13 anni il giovanissimo ballerino lasciò l'Empolese per l'Accademia della Scala: “Duro stare lontano dalla famiglia, ma sacrifici ripagati”

Da Vinci alla Bulgaria, nella città di Varna, per seguire la sua passione per la danza. E' la storia del 18enne Lorenzo Poggianti. “Ho iniziato a 6 anni, un po' per caso, per gioco. Poi la passione è cresciuta sempre di più”, racconta il 18enne.

I primi passi presso la scuola Zephyr di Sovigliana. Dall'età di 11 anni l'impegno diventa molto più pressante. “Su consiglio del mio allenatore, Janusz Pietrzak, a cui devo tutto, ho iniziato ad impegnarmi molto di più. Mi allenavo tutti i giorni, dopo scuola. E la passione cresceva”.

Così a 13 anni arriva la possibilità di fare un'audizione speciale, per entrare all'Accademia del Teatro della Scala di Milano. “Non pensavo proprio che mi avrebbero accettato. Eravamo quasi un centinaio e solo in 12 sono stati ammessi come allievi”.

E invece anche Lorenzo viene accettato. “Una soddisfazione incredibile”. Iniziano 5 anni intensi, nei quali cresce la consapevolezza nei propri mezzi ma nei quali non sono mancate le difficoltà. “E' stato molto difficile stare lontano dalla mia famiglia, a cui sono molto legato. Non avevo ancora 14 anni quando mi sono trasferito a Milano per seguire il corso e tornavo giù solo una volta ogni due settimane, dal sabato mattina alla domenica sera”, racconta il ragazzo.

L'11 giugno scorso la prova finale all'Accademia della Scala, dove Lorenzo si è laureato ballerino professionista. Poi due audizioni, a Pilsen in Repubblica Ceca e a Varna in Bulgaria.

“Entrambe superate. Ma ho scelto questa ultima destinazione perché la compagnia è più importante e mi offre maggiori possibilità di crescere. Non faremo solo danza classica ma anche contemporanea e moderna”, spiega il giovanissimo ballerino.

Domani l'ultima prova, orale, dell'esame di maturità. Poi la Bulgaria aspetta. “Non vedo l'ora, faremo tante tournée, a partire dall'Inghilterra. Sono contentissimo di aver trovato lavoro in un momento in cui per i ballerini è sempre più difficili. Tantissimi non lavorano più, anche a causa del Covid, che ha fatto cessare molte attività”, ricorda Lorenzo.

E dopo la Bulgaria? “Il sogno è tornare in Italia, in un grande teatro, magari proprio alla Scala”. Chissà. Per ora di strada da Vinci ne è già stata fatta tanta. Il ritorno dalla Bulgaria potrebbe dare altrettante soddisfazioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Vinci alla Bulgaria, il ballerino 18enne Lorenzo Poggianti sui palchi di Varna: “Un sogno”

FirenzeToday è in caricamento