Venerdì, 19 Luglio 2024

L'urlo del Dante degli Uffizi: "C'è gente sui social che per un like venderebbe anche la mamma" / VIDEO

L'artista di strada è finito alla gogna mediatica per un video circolato online. "Ci vorrebbe un girone infernale per gli influencer"

Qui il link per seguire il canale whatsapp di FirenzeToday

“C'è gente ormai che per un like sui social venderebbe anche la mamma. Ci vorrebbe un girone dantesco per gli influencer”. 

Marco, da 24 anni meglio noto come il Dante degli Uffizi, è rammaricato da quanto accaduto pochi giorni fa quando è stato ripreso da un passante mentre questionava con un gruppo di turisti. Il video è poi andato sui social facendo migliaia di visualizzazioni e lui è finito in una sorta di gogna mediatica. 

“Stando qui te ne succedono tante e ti portano al limite della sopportazione – ammette Marco – poi la mia voce è stata un po' troppo alta, siamo d'accordo. Però bisogna anche che ci sia un po' di rispetto. Che almeno non si mettono qua davanti a fare cose che non dovrebbero fare... ho chiesto gentilmente di spostarsi ed è andata com'è andata. Mi spiace perché son cose che non dovrebbero succedere e sono io il primo a non voler eccedere mai”. 

Stando a quanto dice Marco, la situazione sta peggiorando di anno in anno. “Credo che siamo arrivati al massimo della cafonaggine – osserva l'artista – in 24 anni me ne sono successe di tutte. Mi hanno rubato i soldi, dato botte nella schiena, nelle mani, mi hanno offeso... e recentemente ho visto anche trattare male una signora con una bimba disabile, che la prendevano in giro. Ma a che livello siamo arrivati?”

Nonostante per sua stessa ammissione non riesca “a fare la vittima”, Marco chiede maggior “Rispetto per me e gli altri artisti di strada visto che quando ci vedete esibirci, stiamo lavorando”, concludendo, con una battuta “Perché non vorrei tornare nella selva oscura... almeno, non da solo”. 

Video popolari

FirenzeToday è in caricamento