rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca Palazzuolo sul Senio

Danni alluvione, il generale Figliuolo: “Ora è il momento della ricostruzione”

Il commissario ha sorvolato per un’ora le aree colpite insieme al governatore toscano: “Nel nostro territorio oltre 400 frane”

È arrivata la fase della ricostruzione, dopo l’emergenza alluvione lo scorso mese di maggio che ha toccato in pieno l’Emilia Romagna, ma anche parte delle Marche e l’alto Mugello in Toscana. Stamattina il commissario straordinario per la ricostruzione, Francesco Paolo Figliuolo ha sorvolato insieme al presidente della Regione Toscana Eugenio Giani in elicottero i territori colpiti dall'alluvione. Hanno visto dall’alto i comuni di Firenzuola, Marradi, Londa e Palazzuolo sul Senio, Londa, San Godenzo, le realtà più colpite dall’ondata di maltempo del maggio scorso. “Tutti coloro i quali possono dare utili informazioni saranno chiamati in causa anche in futuro, quando andremo ad elaborare i piani per il territorio – ha spiegato il commissario Figliuolo –. In questo momento siamo in una fase intermedia. Dobbiamo passare dall’emergenza alla ricostruzione, ma lo si deve fare in un continuum, non con una cesura. Sorvolando il territorio, ho visto l’ampiezza delle frane, ma anche un grande lavoro fatto dai sindaci con interventi di somma urgenza che sono ancora in atto”. 

Il generale Figliuolo è stato indicato dal Governo nel ruolo di commissario per la ricostruzione delle aree devastate dal maltempo in Emilia Romagna, Toscana e Marche. È affiancato dai tre governatori delle regioni coinvolte, nel ruolo di sub-commissari. “Una parte del ristoro è stato fatto e verrà fatto dalla Protezione Civile con le loro ordinanze, mentre l’altra parte verrà fatta dalla struttura commissariale – ha proseguito il generale Figliuolo –. In questo momento è in atto proprio il passaggio di consegne. I miei tecnici collaborano con quelli della Protezione Civile. In questo momento la mia attenzione è fare in modo che i sindaci che coraggiosamente hanno dato per ciò che potevano una prima sicurezza al territorio, possono avere il ristoro delle risorse che hanno impiegato. Si tratta di piccoli comuni che non hanno fondi così cospicui. Poi dobbiamo pensare alla messa in sicurezza perché la montagna dell’alto Mugello non si spopoli. La messa in sicurezza va di pari passo con il mantenimento dell’occupazione”.

Il commissario ha spiegato il grande lavoro fatto nei primi giorni dell’alluvione dai sindaci dei territori e la criticità delle aree colpite. Il generale Figliuolo ha chiarito: “Dobbiamo tener conto di quello che ci dice la natura, i cambiamenti climatici, questi eventi estremi, cose di cui non avevamo contezza. Nelle priorità ci affideremo molto anche a quello che ci diranno gli scienziati. Mettere bene in sicurezza un territorio, vuol dire preservarlo da quello che può succedere in futuro”.

Al termine del sopralluogo del territorio alluvionato, nella sede della Giunta regionale è stato organizzato un tavolo per affrontare le prossime mosse, a cui hanno partecipato i sindaci, il governatore toscano e il commissario straordinario. Il presidente della Regione Eugenio Giani ha sintetizzato: “Abbiamo vissuto momenti importanti, drammatici, ma anche con sviluppi positivi nel momento della Pandemia. Il generale Figliuolo conosce bene il nostro territorio. Ancora non c’è il decreto ministeriale che lo ufficializza. Ci sarà tra poche ore, ma lui è già pronto. Abbiamo vissuto un’ora sull’elicottero sulle zone direttamente colpite in Toscana. Abbiamo così verificato il numero di frane, che sono più di 400 che hanno danneggiato la viabilità. Ci siamo confrontati con le categorie economiche, i quattro sindaci interessati, le rappresentanze del mondo sindacale. Finita la fase della primissima emergenza, oggi inizia la fase della ricostruzione. Dobbiamo pensare a una ricostruzione che abbia una prospettiva che possa rileggere i territori per il futuro”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Danni alluvione, il generale Figliuolo: “Ora è il momento della ricostruzione”

FirenzeToday è in caricamento