rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
Cronaca

"Se non vi piace, non saliteci": la risposta ai criticoni della ruota panoramica

A rispondere alle polemiche che anche quest'anno hanno accompagnato la conferma del ritorno delle due grandi attrazioni natalizie alla Fortezza è Serena Vavolo, la presidente dell'Associazione un Fiore per la Fortezza, che è stata la principale promotrice del Florence Ice Village

"A Natale puoi fare quello che non puoi fare mai" recita lo slogan di una pubblicità di una nota azienda dolciaria e a Firenze, ad esempio, si potrà fare un giro su una ruota panoramica alta 55 metri e pattinare sul ghiaccio grazie alla pista di pattinaggio più lunga d'Europa. Il ritorno della ruota ha fatto molto discutere, esattamente come l'anno scorso quando l'attrazione è stata posizionata per la prima volta nei giardini della Fortezza da Basso. Alcuni "criticoni" si sono ricreduti dopo averci fatto un giro, ma in occasione della riconferma di pochi giorni fa le critiche non sono mancate.

E proprio a queste polemiche, che girano intorno alla "rota", ha risposto Serena Vavolo, presidente dell'associazione Un fiore per la Fortezza, che per prima è scesa in campo per cercare di dare una nuova vita alla zona dei giardini e di piazzale Oriana Fallaci. Gli scopi dell'associazione, nata prima come una semplice pagina su Facebook, sono quelli di combattere il degrado e la microcriminalità. E proprio in questo quadro d'intenti si inseriscono il Florence Ice Village e la Florence Eye. "Fino a quando la grande e scintillante attrazione natalizia non lascerà di nuovo il Giardino della Fortezza per tornare (forse) l’anno prossimo continueranno le critiche - commenta Vavolo che poi ironizza -. Ma siamo ancora all’inizio e se ne vedranno delle belle".

"I fiorentini sono così: criticoni e incontentabili, in fondo è il loro bello", scherza Serena sul piglio dei suoi concittadini, ma poi ricorda come anche la pista di pattinaggio non fu accolta nel migliore dei modi (e invece adesso è molto apprezzata). "I Fiorentini prima o poi si innamoreranno della ruota, così come si sono innamorati della pista del ghiaccio intorno alla vasca dei Cigni, accolta da molti nel 2019 con sospetto e preoccupazione. Un fiore per la Fortezza si è fatta promotrice del Florence Ice Village fin dalla sua prima edizione, nel temerario tentativo di organizzare nei Giardini momenti di socializzazione e aggregazione cittadina". Sì, perché è stato fin da subito evidente come, lo scorso anno, il villaggio abbia creato una vera e propria aria di festa intorno alle due principali attrazioni. E con lo stesso scopo, e spirito, il tutto verrà replicato tra il 2022 e il 2023, con però una grande novità: gli eventi che lo scorso anno non sono stati organizzati, per l'emergenza sanitaria, quest'anno invece ci saranno. 

"Non ci saranno solo la ruota e la pista - anticipa Vavolo -. Ci sarà il mercatino e il villaggio di Natale con l’Albero dei bambini, lo street food, spazi dedicati alle associazioni di volontariato e al no profit e una bella programmazione di eventi per bambini e famiglie di cui mi occuperò personalmente".

E quindi per i 'criticoni' Serena ha un solo consiglio: "Fate un salto dal 2 dicembre ai Giardini della Fortezza. E se proprio le vertigini vi fanno paura, restate a terra, passeggiate intorno alle mura sorseggiando un vin brulé. E godetevi le luci del Natale, la musica nell’aria e le risate dei bambini. Per 45 giorni all’anno credo sia sopportabile".

La ruota panoramica e la pista di pattinaggio tornano a Firenze: le informazioni

Situazione alla Fortezza: "Dovrebbero incrementare i controlli e installare telecamere di sorveglianza"

Impossibile poi non fare una riflessione sulla zona della Fortezza. Rispetto agli anni in cui una parte del giardino era coperto dalle transenne, per i lavori della linea della tramvia, molto è cambiato ma come osserva Vavolo "è un giardino pubblico e come tale esposto a frequentazioni poco raccomandabili, come tutti i giardini pubblici". Per questo secondo Serena dovrebbero essere "incrementati i controlli, con l’impiego anche di telecamere di sorveglianza".

Per la presidente di Un fiore per la Fortezza il bilancio, comunque, è positivo: "In ogni caso, rispetto a qualche anno fa, i fiorentini hanno ricominciato a frequentare il giardino. Si vedono di nuovo i bambini che giocano, i fidanzati che amoreggiano sulle panchine e gli anziani che passeggiano intorno alla vasca dei cigni. Ed è un buon segno perché penso davvero che il presidio sociale rappresenti l’arma più efficace nella lotta contro il degrado e la microcriminalità".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Se non vi piace, non saliteci": la risposta ai criticoni della ruota panoramica

FirenzeToday è in caricamento