Cronaca

Covid, "no vax" in corsia: 96 infermieri sospesi e un medico convocato dall'Asl

I sanitari non hanno attivato la Pec cui vengono notificate le diffide a chi non rispetta l'obbligo vaccinale. Il medico aveva detto pubblicamente: "Non sono vaccinato"

Novantasei infermieri sono stati sospesi dal lavoro da parte dell'Ordine professionale di Firenze e Pistoia per mancanza di Pec, la casella email di posta certificata.

La notizia, anticipata dal Corriere Fiorentino, ha fatto infuriare il sindacato degli infermieri Nursind: "Una decisione assurda e altamente dannosa per tutto il sistema sanitario — dice una nota — Dopo un anno di Covid, con i reparti allo stremo per l'endemica carenza di personale, le ferie programmate, II piano vaccinale e l'ultima richiesta da parte della Regione, che ci obbliga a coprire le lacune delle Rsa, una sanzione così estrema ci sembra quantomeno inopportuna nelle tempistiche".

Covid: potrà vaccinarsi il 17enne coi genitori no vax

Il presidente dell'Ordine, Danito Massai, oltre a spiegare che 40 dei 96 sono già stati reintegrati dopo due giorni per aver fatto la Pec, parla di "atto obbligato", poichè la legge che impone di avere la Pec è in vigore da luglio 2020.

"Non sono vaccinato" medico convocato dall'Ordine

Intanto scoppia anche il caso del dottor Maurizio Romani, ex senatore del M5Stelle. "Non sono vaccinato" ha dichiarato pubblicamente il medico, "guadagnandosi" così una convocazione dall'Ordine. Romani dovrà spiegare la sua posizione e rischia la sospensione dall'albo.

Vaccinazioni: i sanitari no vax pronti ad andare al Tar

L'omeopata fiorentino è stato convocato per il prossimo 21 luglio dalla vicepresidente dell'Ordine, la dottoressa Elisabetta Alti. Nella comunicazione, l'Ordine fa riferimento a una frase di Romani, pronunciata durante una manifestazione no vax che si è tenuta lo scorso giugno in via Martelli a Firenze, e cita una frase del medico riportata il giorno successivo dal Corriere Fiorentino: "Perché da non vaccinati non potremo andare da nessuna parte?" riferendosi al green pass, un modo a suo giudizio indiretto di imporre l'obbligo vaccinale.

Coronavirus: il 10% del personale Rsa non vuole vaccinarsi

 Inoltre, il 21 luglio Romani potrebbe vedersi contestate altre affermazioni fatte durante quella giornata: come ad esempio, riporta sempre il Corriere Fiorentino, aver affermato che il vaccino non è sperimentato; oppure per aver detto "sicuramente non ho avuto pazienti che sono finiti in ospedale" grazie alla terapia domiciliare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, "no vax" in corsia: 96 infermieri sospesi e un medico convocato dall'Asl

FirenzeToday è in caricamento