rotate-mobile
Mercoledì, 28 Settembre 2022
Cronaca Vaglia

Covid, il governatore della Misericordia di Vaglia va a processo: "Pressioni sul dipendente per nascondere i contatti del positivo"

Nell'agosto del 2020 si diffuse un focolaio che mise a rischio le attività essenziali. A processo anche tre autisti e soccorritori

Il governatore della misericordia di Vaglia (FI) Luciano Galeotti andrà a processo per un focolaio Covid tra i dipendenti. Lo ha deciso ieri mattina il gup.

I fatti si riferiscono all'agosto del 2020, quando per l'eccessivo numero di operatori infettati, la struttura dovette ridimensionare la propria attività. E proprio per scongiurare la paralisi dei servizi essenziali, Galeotti avrebbe fatto pressing su un proprio dipendente: da qui, la 'violenza privata' contestatagli dall'accusa.

Il caso

L'accusa iniziale era quella di minacce ma, come ha spiegato l'avvocato Federico Bagattini a La Nazione, "la riqualificazione del fatto fa parziale giustizia dell'innocenza di Galeotti che si è mosso esclusivamente nell'interesse della comunità".

Per Galeotti e per altri tre imputati - autisti e soccorritori, difesi dagli avvocati Mario Taddeucci Sassolini e Nicola Castagna - che avevano scelto il rito abbreviato, è caduta l'accusa di aver falsificato le attestazioni inviate agli uffici AsI per il tracciamento dei contatti avuto da un dipendente dell'organizzazione risultato positivo e sono stati assolti.

"II giudice ha accertato che le condotte furono tutte improntate alla buona fede" sottolineano i due legali.

La Nazione spiega infine che Galeotti è accusato di aver prospettato a un dipendente la mancata prospettiva di incarichi di prestigio in seno alla struttura, se non avesse "maneggiato" l'elenco dei contatti stretti del positivo. II processo comincia nel febbraio del 2023. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, il governatore della Misericordia di Vaglia va a processo: "Pressioni sul dipendente per nascondere i contatti del positivo"

FirenzeToday è in caricamento