menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus e vaccini, AstraZeneca consigliato sopra i 60 anni

Inizialmente era invece consigliato per i più giovani e sconsigliato agli anziani

"Ribadendo che il vaccino Vaxzevria (il nuovo nome del siero prodotto da AstraZeneca, ndr) è approvato a partire dai 18 anni di età, sulla base delle attuali evidenze, tenuto conto del basso rischio di reazioni avverse di tipo tromboembolico a fronte della elevata mortalità da Covid-19 nelle fasce di età più avanzate, si rappresenta che è raccomandato un suo uso preferenziale nelle persone di età superiore ai 60 anni".

Così si legge nella circolare con cui il ministero della Salute ha aggiornato le raccomandazioni sul vaccino anti-Covid di AstraZeneca dopo la decisione di consigliarlo solo agli over 60 sulla scorta delle disposizioni prese dalle agenzie regolatorie di altri Paesi Ue. Una giravolta rispetto alla fase iniziale di somministrazioni, quando il vaccino inglese era invece consigliato ai più anziani e sconsigliato ai più giovani.

"Secondo l’EMA (agenzia europea del farmaco) al 4 aprile erano stati registrati un totale di 222 casi di coaguli del sangue su 34 milioni di persone vaccinate con il vaccino AstraZeneca. Il comitato per la sicurezza della stessa agenzia (PRAC) ha esaminato un totale di 86 casi di trombosi, 18 dei quali mortali, registrati alla data del 22 marzo tra Unione europea e Regno Unito su 25 milioni di persone vaccinate. Si parla dunque di meno di un decesso ogni milione di persone vaccinate (1,8 su 2,5 milioni) laddove, per contestualizzare i dati, il tasso di mortalità per incidente stradale in Italia è di 12,6 ogni 100.000 abitanti", come ricostruisce today.it.

Nel suo rapporto l’EMA ha ribadito per l’ennesima volta che il rapporto tra rischi e benefici del vaccino resta positivo: la mortalità da Covid è molto più alta del rischio di eventi avversi gravi legati al farmaco Vaxzevria. Allo stesso tempo il comitato per la sicurezza ha fatto presente che "sulla base delle prove attualmente disponibili", non è possibile determinare "fattori di rischio specifici" e dunque non sappiamo se il vaccino sia più o meno pericoloso per determinate fasce di età. Il ministero della Salute, sulla base delle indicazioni ricevute dal Comitato tecnico scientifico, ha tuttavia deciso di raccomandarne l’utilizzo ai soli over 60.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento