Coronavirus: arrivate a Trespiano altre 60 salme da Bergamo

Le bare scortate dai mezzi dell'Esercito. Lo scorso 2 aprile ne erano arrivate 50

Altri sessanta feretri, partiti ieri pomeriggio da Bergamo, sono stati scortati a Firenze dall'Esercito e trasportati al tempio crematorio di Trespiano.

Si tratta di 60 salme di cittadini bergamaschi, risultati contagiati da Covid-19 e deceduti nei giorni scorsi. Le vittime saranno cremate.

La scorsa settimana erano arrivate a Firenze, con le stesse modalità, altre 50 bare da Bergamo, per la cremazione effettuata il 2 aprile.

A scortare i feretri, ieri, sono stati i mezzi militari con l'autocolonna che ha raggiunto Trespiano intorno alle 20.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il trasporto, come noto, si è reso necessario a causa delle difficoltà nella gestione delle salme nel Nord Italia, per l’elevato numero di deceduti nel corso dell'emergenza Coronavirus.

Coronavirus: l'arrivo delle bare da Bergamo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio in centro: scooter in fiamme / FOTO 

  • Baby K a pranzo al circolo: "Adora la cucina toscana" / FOTO

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 23 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Cosa fare nel fine settimana a Firenze

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 21 settembre 2020: le previsioni segno per segno

  • Crisi Coronavirus: chiude lo storico Gran Caffè San Marco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento