Cronaca

Coronavirus, l'annuncio di Fondazione Toscana Life Science: "Anticorpi monoclonali disponibili a primavera"

L'istituto di ricerca inizierà i test a fine anno. Rappuoli: "Avranno costi accessibili"

Dovrebbero arrivare a marzo le prime dosi di anticorpi monoclonali 'made in Italy' da distribuire alla popolazione. Entro fine anno, infatti, la Fondazione "Toscana life sciences" inizierà i test sulle persone.

A fare il punto sulla ricerca è stato il coordinatore Rino Rappuoli, nel corso di una conferenza stampa indetta nella mattinata odierna da Coop Alleanza 3.0 e Unicoop Firenze. "Stiamo lavorando per avere i monoclonali disponibili su larga scala per marzo 2021", conferma Rappuoli.

La tempistica

Entro fine anno dovrebbe dunque partire la sperimentazione sulle persone. Sarà in due fasi: la prima, su un numero ristretto di volontari adulti sani, testerà se l'anticorpo è sicuro e se ha la durata giusta; la seconda fase, a distanza di una settimana, riguarderà invece 500 persone positive al covid per verificare le capacità di cura dell'anticorpo.

Il vaccino e i monoclonali "arriveranno più o meno nello stesso periodo, tra febbraio e marzo - sottolinea Rappuoli - prima con dosi limitate e poi il numero aumenterà nel tempo. La quantità più grande dovrebbe arrivare nella seconda metà del 2021". I due farmaci "sono complementari - rimarca lo scienziato - servono entrambi per controllare l'epidemia".

La procedura

Secondo Rappuoli, la procedura "ideale" vedrebbe prima l'iniezione dei monoclonali e poi del vaccino. L'anticorpo, spiega l'esperto, ha una durata di sei mesi ed è per la copertura iniziale in attesa che cominci ad agire il vaccino. Dalla prima dose del siero infatti servono 45 giorni (richiamo compreso) perchè inizi la copertura. Inoltre i monoclonali rappresentano anche una cura contro il covid, mentre "il vaccino questo non lo può fare".

I costi

I monoclonali, sottolinea Rappuoli, "esistono già per altre patologie, ma costano decine di migliaia di euro. Questi invece avranno costi più accessibili", garantisce lo scienziato toscano. Che poi aggiunge: "Non siamo preoccupati se anche altri producono i monoclonali. E' una pandemia globale e non ci saranno abbastanza dosi per tutto il fabbisogno. Io stesso ho suggerito al Governo di cercare intanto quelli della Eli Lilly", i primi che dovrebbero arrivare sul mercato, per iniziare a distribuirli alla popolazione. "Magari avessimo più dosi - choisa Rappuoli - c'è bisogno di tutti".

Il monitoraggio

Una volta portata a termine la ricerca sui monoclonali, però, il lavoro non è destinato a fermarsi. "Il covid muta- ricorda lo scienziato- nel mondo ci sono già virus diversi. Noi dobbiamo capire come gli anticorpi reagiscono a queste mutazioni e come prevenirle". Quindi "dovremo continuare a studiare, a monitorare il virus e gli anticorpi. Dovremo essere sempre un passo avanti al virus, se ci rilassiamo vince lui", avverte infine Rappuoli.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, l'annuncio di Fondazione Toscana Life Science: "Anticorpi monoclonali disponibili a primavera"

FirenzeToday è in caricamento