menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, Giani: "Andamento contagi stabile". Toscana può restare arancione fino a Pasqua

In consiglio regionale opposizioni all'attacco per i ritardi dei vaccini agli over 80: "Serve commissione di inchiesta"

"L'andamento dei contagi che stiamo vedendo sta portando a una stabilizzazione e direi quasi, non lo voglio dire per esorcizzare, al ribasso. Stamani siamo arrivati a poco meno di 1.200, ieri erano 1.062. Questo ci lascia pensare che siamo in una situazione in cui potremmo essere arrivati al culmine dell'effetto diffusivo dei contagi della pandemia".

E' quanto sostiene, a margine di una conferenza stampa, il presidente della Regione Eugenio Giani, in merito all'emergenza Coronavirus e ai possibili provvedimenti sul capoluogo toscano. Tra gli argomenti di discussione, la possibile chiusura di giardini e parchi pubblici, come succede a Scandicci. Ma su questo punto il sindaco Nardella ha optato per lasciarli aperti.

Tornando ai dati regionali, la Toscana potrebbe dunque restare arancione per un'ulteriore settimana, da lunedì 29 marzo a domenica 4 aprile, giorno di Pasqua. Negli ultimi giorni ormai sono quotidiani i calcoli su quanti nuovi casi giornalieri ci vogliano per fare scattare automaticamente il passaggio in zona rossa, che avviene quando si registrano oltre 250 casi settimanali ogni 100mila abitanti.

Questa settimana la Toscana si è salvata per un pelo (era a 246 al momento della decisione presa venerdì scorso dalla cabina di regia nazionale), anche se per diverse aree all'interno della regione sono scattate le maggiori restrizioni. Per la prossima potrebbe nuovamente 'salvarsi' per un pugno di casi.

"In base ai dati di questa settimana, per evitare di andare automaticamente in zona rossa per via del superamento della soglia dei 250 casi ogni 100 mila abitanti, è necessario che i contagi di domani (giovedì, ndr) siano inferiori a 1.599",  scrive su Facebook il presidente del consiglio regionale Antonio Mazzeo.

"Oltre all'incidenza dei contagi, però, la decisione finale sarà presa venerdì dal comitato tecnico scientifico e questa dipenderà anche dall'Rt calcolato sui sintomatici e da altri 21 indicatori. In base alla decisione il presidente Giani sceglierà poi se istituire zone rosse locali", aggiunge Mazzeo.

"Siamo una delle poche regioni che dopo Natale non è mai andata in zona rossa, siamo stati i primi ad aprire le scuole l'11 gennaio e grazie alle zone rosse locali siamo stati in grado, finora, di evitare provvedimenti generalizzati più restrittivi, nonostante le varianti, salvaguardando le attività economiche e la formazione dei ragazzi e dei bambini nelle province dove l'incidenza del contagio era più bassa. I dati degli ultimi giorni fanno pensare che il picco sia stato superato, ma manteniamo alta la guardia, usiamo la mascherina, evitiamo assembramenti, igienizziamo le mani e rispettiamo le regole", aggiunge ancora Mazzeo.

Scontro invece oggi in consiglio regionale tra maggioranza e opposizioni, con Lega e Fratelli d'Italia che attaccano la gestione della campagna vaccinale nei confronti degli over 80, uno dei tasti dolenti della Toscana, tra le regioni più indietro a livello nazionale a vaccinare questa fascia di popolazione, seppur una delle più a rischio.

"Il presidente del consiglio Draghi bacchetta le regioni che sono più indietro nella vaccinazione degli over 80. E lo fa con parole che non lasciano adito a interpretazioni. La Regione Toscana ha commesso degli errori: sarebbe doverosa un'ammissione di colpa e non nascondersi dietro motivazioni poco credibili. Ma soprattutto è doveroso un cambio di marcia per tutelare le categorie più fragili: anziani, malati, persone con disabilità", chiede Marco Landi, consigliere regionale della Lega e portavoce dell'opposizione, commentando le parole pronunciate oggi in Senato dal presidente del consiglio Mario Draghi, in merito all'andamento della campagna di vaccinazione contro il coronavirus.

Sulla stessa falsariga la capogruppo della Lega Elisa Montemagni. "Ci sono persone che aspettano da mesi di essere vaccinate e il sito che è stato aperto dalla Regione dopo qualche minuto si è bloccato. Ad oggi i super fragili non sanno quando riceveranno il vaccino", attacca Montemagni.

Critiche anche dal capogruppo di Fratelli d'Italia Francesco Torselli ("Siamo nel giorno più drammatico per la Regione Toscana dall'inizio della campagna vaccinale. Il funzionamento del portale è durato un minuto. Serve un atto di umiltà da parte di chi governa questa regione. Giani e Bezzini (assessore regionale alla sanità, ndr) dicano che hanno sbagliato") e dal Movimento 5 Stelle, che con la capgruppo Irene Galletti chiede di avviare subito una commissione di inchiesta.

“La Giunta regionale non può continuare a rimanere arroccata sulla narrazione di un piano vaccinale che procede al meglio, alimentando false aspettative e frustrazioni nei cittadini: la Toscana è invece pericolosamente indietro nella gestione delle vaccinazioni per causa di un sistema che ha troppe volte dimostrato di essere fallimentare”, le parole di Galletti.

“Pertanto chiediamo che venga aperta, subito, una Commissione d'Inchiesta regionale, per mettere il Consiglio a conoscenza delle carenze strutturali e di pianificazione del piano vaccinale della Regione Toscana e permetterci un monitoraggio continuo, e anche la possibilità di contribuire con proposte. Una commissione composta da politici e tecnici, la cui funzione dovrà essere quella di risolvere i problemi di immediata gravità e urgenza, tenendo ben chiara la prospettiva di dare vita ad una nuova strutturazione del Sistema Sanitario regionale, per la gestione di medio-lungo periodo della pandemia. Sappiamo purtroppo che non è tutto riducibile a un problema di questi mesi, e dobbiamo prepararci a un'operatività analoga anche per il futuro”, chiede la consigliera 5 Stelle.

Ma Giani rigetta le accuse. "Per quanto riguarda gli over 80 - commenta il presidente della Regione -, sicuramente il presidente Draghi che conosce bene la situazione non si riferiva alla Toscana, perché abbiamo condotto la nostra campagna di vaccinazione con molta precisione".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ristoratori e TNI bloccano di nuovo l'autostrada: tavolo per due in A1

  • Cronaca

    Coronavirus: 224 nuovi casi e 16 decessi a Firenze

  • Cronaca

    Ambulanti, protesta in piazza Signoria: "tornare subito al lavoro"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento