Coronavirus: annullato lo 'Scoppio del Carro' di Pasqua

L'ufficialità è arrivata nel consiglio comunale in streaming dal sindaco Dario Nardella

Il coronavirus fa saltare anche il tradizionale appuntamento con lo Scoppio del Carro di Pasqua, che quest'anno cade di domenica 12 aprile.

La decisione dell'annullamento era nell'aria (si era pensato al massimo ad un volo della colombina con la piazza vuota da mandare in diretta web), ma oggi è arrivata l'ufficialità, come riferito dal sindaco Dario Nardella durante la seduta del consiglio comunale, riunitosi on line e con diretta streaming su Youtube.

Lo Scoppio del Carro "è una delle manifestazioni tra le più importanti della tradizione secolare della nostra città. Dopo essermi consultato con il cardinale Giuseppe Betori abbiamo preso la decisione di annullare la manifestazione, destinando tutte le risorse economiche che avremmo dovuto spendere, più di 50mila euro, a tutti i servizi sociali, sanitari e assistenziali del Comune in questa situazione di emergenza", ha detto il sindaco.

"Non ce la siamo sentita di confermare una manifestazione senza pubblico spendendo questi soldi che oggi sono preziosi anche per salvare qualche vita in più. Comunque non smarriremo la nostra tradizione, è stata trovata una modalità per mantenere viva la tradizione", ha aggiunto Nardella, senza però specificare come eventuali altre cerimonie si svolgeranno.

Sorteggio del Calcio storico

Normalmente ogni anno, prima dello Scoppio del Carro, si effettua anche il sorteggio del Calcio storico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di questo il sindaco non ha parlato, ma forse proprio al calcio in costume Nardella si riferiva quando ha aggiunto: "[Quella allo Scoppio del Carro] non è stata una rinuncia facile, e non sarà l'unica rinuncia. Altre manifestazioni storiche importanti non potranno essere realizzate da qui a qualche mese, vedremo via via come comportarci in base all'andamento dell'epidemia e dell'emergenza". Ogni priorità dovrà naturalmente andare alla salute e al contrasto del coronavirus.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Ministero e Iss: "Toscana a rischio lockdown, è nello scenario 3". Ipotesi chiusure scuole e tutte attività sociali, culturali e sportive

  • Coronavirus, verso un nuovo Dpcm: ipotesi 'coprifuoco' alle 22 ovunque

  • Coronavirus: nuovo Dpcm nelle prossime ore. Verso la chiusura di palestre e centri estetici, confermato il "coprifuoco"

  • Coronavirus, impennata di nuovi casi: 755 in Toscana 263 a Firenze  

  • Verso un nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre

  • Coronavirus: possibili 'zone rosse' in Toscana

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
FirenzeToday è in caricamento