rotate-mobile
Cronaca

Emergenza Coronavirus, Nardini (Pd): “Sospendere scommesse e gioco d’azzardo”

La consigliera regionale: "I 'gratta e vinci' non sono certo attività di prima necessità, tutelare risparmio e salute"

Sospendere, nell'emergenza coronavirus, le attività di scommesse e gioco d'azzardo on line e nelle tabaccherie, per evitare ulteriori danni causati dalla ludopatia, sia sulla salute, in primis mentale, che sul risparimo. E' questa in sostanza la richiesta indirizzata al governo dalla consigliera regionale Alessandra Nardini.

“Condivido pienamente la preoccupazione espressa da diversi sindaci sul gioco d’azzardo, a cui è ancora possibile accedere sia online che nelle tabaccherie, nonostante l’emergenza sanitaria e le misure anti contagio previste nell’ultimo decreto”, premette la consigliera.

“Il rischio che il maggior tempo a disposizione delle persone possa incentivare i giocatori è concreto. Dobbiamo scongiurare il pericolo che, in un momento anche economicamente difficile come questo, le persone possano disperdere le proprie risorse in questa attività. Per questo chiedo al governo di sospendere almeno fino al 25 marzo tutte le modalità di gioco d’azzardo a cui è possibile accedere recandosi nelle tabaccherie. Gratta e vinci, il gioco del Lotto e del Superenalotto non possono essere certo definite attività di prima necessità, pertanto la loro persistenza è un non senso”, aggiunge Nardini.

“Tanti sindaci dell'Unione Valdera (nel pisano, ndr) stanno firmando ordinanze che prescrivono la sospensione immediata di tutte le tipologie di gioco nelle tabaccherie. Una misura che però – conclude Nardini -, non può essere demandata al buonsenso dei nostri primi cittadini ma che auspico sia il governo a estendere a tutto il territorio nazionale”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emergenza Coronavirus, Nardini (Pd): “Sospendere scommesse e gioco d’azzardo”

FirenzeToday è in caricamento