Sesto Fiorentino, coronavirus: la polizia consegna i computer porta a porta agli studenti sprovvisti

Impegnati gli agenti del commissariato diretto dal vice questore Alessandra Gemma

Ieri pomeriggio la Polizia di Stato ha fatto una visita diversa dal solito a casa di alcuni studenti dell’Istituto Comprensivo numero 3 di Sesto Fiorentino: gli agenti del Commissariato hanno ritirato alcuni computer portatili dalla scuola e li hanno consegnati porta a porta ai piccoli alunni della primaria.

Grazie a finanziamenti dello Stato e donazioni dell’amministrazione comunale e anche di alcune famiglie locali è stato possibile offrire alcuni tablet e computer ai ragazzi che ne erano sprovvisti.

Gli agenti del Commissariato di Sesto Fiorentino, diretto dal Vice Questore Alessandra Gemma, tutto il pomeriggio di ieri hanno preso parte alla consegna, su richiesta del dirigente scolastico, per permettere agli studenti di seguire lezioni online, in questa nuova fase imposta dal particolare momento del Paese.

Le reazioni delle famiglie sono state di "autentico stupore e le mamme, in più di un caso, hanno mostrato una vera e propria commozione, partecipata sinceramente dagli agenti speciali consegnatari”.

“In questo particolare momento di difficoltà la scuola è attiva solo grazie alla sua didattica a distanza e perché ciò possa realizzarsi a pieno è necessaria naturalmente un’adeguata strumentazione tecnologica”, ha sottolineato il dirigente scolastico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Follia in Appennino: contromano per 40 chilometri sull'autostrada A1

  • Toscana in "zona gialla rafforzata": cosa si potrà fare e cosa no

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 13 gennaio 2021: le previsioni segno per segno

  • Coronavirus, 529 casi in Toscana. A Firenze 116 nuovi positivi e 3 decessi

  • Scomparso nel Senese la vigilia di Natale, lo ritrovano perché ubriaco si schianta a Firenze contro un semaforo

  • Nuovo Dpcm e spostamenti per andare dai congiunti fuori regione: cosa succede da sabato 16 gennaio

Torna su
FirenzeToday è in caricamento