menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, resta in vigore l'ordinanza regionale: sì a bici e passeggiate all'interno del proprio comune

Confermata la validità dell'atto nonostante le parole di Conte oggi in parlamento

"Iniziative che comportino misure meno restrittive non sono possibili, perché in contrasto con le norme nazionali, quindi sono da considerarsi a tutti gli effetti illegittime". Troppo alto, infatti, il rischio "di danni irreparabili da atteggiamenti ondivaghi".

E poi, "non ci sarà un piano rimesso a iniziative improvvide di singoli enti locali, ma basato su rilevazioni scientifiche". Così ha parlato questa mattina il premier Giuseppe Conte alla Camera, per l'informativa urgente sulla ripresa delle attività economiche prevista a partire da lunedì 4 maggio, per la cosiddetta 'fase 2' dell'emergenza coornavirus.

Parole, quelle di Conte, che sembravano dunque in contrasto anche con l'ordinanza firmata ieri dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, ordinanza che da domani primo maggio dà la possibilità di passeggiare a piedi e andare in bici in tutto il territorio comunale di residenza. Con i figli, da soli o con chi risiede sotto lo stesso tetto (parchi e giardini resteranno comunque chiusi per tutto il weekend).

Nel tardo pomeriggio di oggi, giovedì 30 aprile, fonti della Regione Toscana hanno però confermato che l'ordinanza emanata ieri da Rossi resta in vigore: l'ordinanza stessa, infatti, al momento non è stata impugnata dal Governo, che ne avrebbe facoltà.

Possibile, quindi, nel rispetto delle norme su mascherine e distanziamento sociale, passeggiare a piedi o in bici nell'intero territorio comunale di residenza (per i fiorentini, ad esempio, in tutta Firenze).

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Firenze usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Galleria degli Uffizi e Palazzo Pitti: ecco quando riaprono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento