menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Coronavirus, parrucchieri ed estetisti contro il 'Decreto Sostegni': “Il 90% non avrà nulla”

Confartigianato all'attacco del provvedimento varato dal governo Draghi: "Perdite del 25% ma per avere i sostegni bisogna avere perdite almeno del 30%"

"Il 90% degli estetisti e dei parrucchieri fiorentini non riceverà ristori". E' quanto denuncia un'analisi condotta da Confartigianato Imprese Firenze tra i propri associati.

“La maggior parte delle imprese del settore benessere registra perdite di fatturato intorno al 25%, poco al di sotto della soglia minima del 30% prevista per avere i contributi del Decreto Sostegni (varato dal nuovo governo di Mario Draghi, ndr): solo il 10% ha perdite superiori e quindi potrà fare domanda per accedervi. Ma tutti hanno subito comunque un calo importante, di circa un terzo degli incassi” afferma Claudio Barbetti, presidente Acconciatori dell'associazione. 

Ad aggravare ancora di più la situazione difficile che da un anno vivono le 2.500 imprese e gli 8mila addetti del settore benessere dell'area fiorentina, c'è la chiusura dell'attività imposta dalla zona rossa, dal 29 marzo al 6 aprile (per ora), a cavallo di Pasqua, una settimana che tradizionalmente è un caposaldo per gli incassi del comparto e serve per compensare i periodi di “bassa stagione”. 

“E' il periodo in cui il lavoro riparte a pieno ritmo e per questa settimana avevamo le agende piene: abbiamo lavorato sabato e domenica per cercare di recuperare alcuni appuntamenti, ma molti li abbiamo dovuti rinviare, e non si sa quando”, commenta Patrizia Tagliaferro, presidente del settore Estetica.

“Questa chiusura, arrivata venerdì sera, dopo che per tutto il giorno era stata annunciata al zona arancione, è stata una doccia fredda. Noi chiudiamo, ma dobbiamo continuare a pagare affitti, fornitori, bollette, tasse, dipendenti e a investire in macchinari e prodotti nuovi e corsi di aggiornamento”.

"Lo stop danneggia i parrucchieri e gli estetisti professionisti, ma non ferma, anzi favorisce, l'abusivismo, con danni economici stimati in 30 milioni di euro l'anno, ma anche rischi per la salute dei cittadini. I saloni e i centri estetici e i tatuatori regolari seguono rigidi protocolli igienico sanitari, e infatti non risulta finora nessun focolaio nato in questi luoghi, mentre ci sono falsi professionisti che non rispettano le norme anti contagio a cui i nostri professionisti sono tenuti - aggiunge Renzo Nibbi, responsabile benessere di Confartigianato Imprese Firenze -. Una doppia beffa e un doppio danno per gli imprenditori del comparto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

FirenzeToday è in caricamento