Cronaca Novoli

Titolare di palestra denuncia: “Multato per attività all'aperto, ma per legge posso farlo”

Francesco Bellacci, titolare di un'attività a Novoli: “Faremo ricorso e andiamo avanti con l'attività”

Racconta di avere ricevuto cinque multe da novembre ad oggi, a suo dire quattro del tutto illegittime. L'ultima circa una settimana fa, come racconta Francesco Bellacci (foto sopra), titolare della palestra Evolution di via Lulli, in zona Novoli.

Nell'ultimo caso, “un istruttore della mia palestra stava tenendo una lezione all'aperto, in piazza Luigi Dalla Piccola, quando è arrivata una pattuglia della polizia municipale ed ha ritenuto di multarlo, senza spiegazioni”, asserisce il titolare dell'attività.

“L'istruttore mi ha chiamato e sono subito corso sul posto (la piazza all'aperto dove si svolgeva la lezione dista poche centinaia di metri dalla sede, ndr). Mi sono precipitato in strada per cercare di fare fermare la pattuglia della polizia municipale che stava andando via, per chiedere spiegazioni. Per tutta risposta è arrivata un'altra pattuglia. Mi hanno preso i documenti e ora rischio anche una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale, quando non ho fatto nulla di male. Non ho usato violenza né offese, volevo solo sapere il motivo della sanzione e avere un regolare verbale, così da poter presentare ricorso, come fatto per le sanzioni precedenti”, prosegue Bellacci.

"All'istruttore infatti non era stato consegnato alcun verbale. Ho chiesto quale norme stessimo violando, visto che per Dpcm l'attività sportiva in forma individuale, all'aperto e distanziati, si può svolgere. Non mi hanno risposto e sono andati via. Aspetto che mi sia recapitato il verbale e presenterò ricorso", assicura l'uomo.

Quanto al totale delle 5 multe 'raccolte' da novembre, "nessuna aveva ragione logica - protesta Bellacci -. Due le abbiamo ricevute per aver svolto attività all'aperto. Una per la mancata dichiarazione di aver cambiato il rappresentante legale, dichiarazione che va comunicata a tantissimi enti e ancora non l'avevamo comunicato al Suap. Poi una multa dei Nas. Contestiamo anche quella, perché in palestra c'erano solo due istruttori, nulla di irregolare, non abbiamo capito cosa ci hanno contestato. Infine quest'ultima. E' una grande ingiustizia perché non abbiamo violato alcuna norma. Ringraziamo due avvocati iscritti alla palestra che ci aiuteranno nei ricorsi a tutte le sanzioni. Nel frattempo proseguiremo con l'attività all'aperto, perché a norma di legge è consentito", assicura il titolare della palestra. In attesa di vedere come andranno i ricorsi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Titolare di palestra denuncia: “Multato per attività all'aperto, ma per legge posso farlo”

FirenzeToday è in caricamento