Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Coronavirus, dal distanziamento in spiaggia a mascherine e trolley in aereo: le regole fino al 31 luglio

Il governo ha prorogato fino a fine mese le misure anti-Covid. Ancora chiuse le discoteche, no anche a sagre e fiere

Mascherine obbligatorie nei luoghi chiusi, distanziamento di un metro (anche in spiaggia) e ok al ritorno dei trolley in aereo: è arrivata la proroga delle misure anti contagio da Coronavirus, che sarà in vigore fino al prossimo 31 luglio.

Pochi i cambiamenti, molte le conferme dettate dal fatto che l'epidemia non è stata ancora debellata e il virus circola ancora tra noi. Ma quali sono le novità?

Quella principale, a maggior ragione in un periodo in cui molti cittadini si mettono in viaggio per le vacanze estive, riguarda proprio chi utilizza gli aerei: da oggi si possono portare di nuovo i trolley in cabina.

La conferma è arrivata dalla sottosegretaria alla Salute Sandra Zampa, intervenuta ieri a 'Radio anch'io': "Adesso il trolley si può portare" ha detto.

Coronavirus, le regole confermate: mascherine obbligatorie al chiuso e distanziamento

La proroga delle misure di contenimento del virus fino al 31 luglio, ha spiegato Zampa, riguarda essenzialmente "Il divieto di assembramenti, il distanziamento sociale di un metro, le disposizioni per l'accesso ai luoghi pubblici al chiuso come i ristoranti, l'uso obbligatorio della mascherina nei luoghi chiusi".

In base al nuovo decreto, poi, le discoteche al chiuso dovranno rimanere ancora chiuse, almeno fino al 31 luglio. Così come le sagre, le fiere e gli eventi pubblici in generale.

Resta confermata anche la sospensione dei voli da 13 Paesi dove l’emergenza è ancora alta, ordinata il 10 luglio dal ministro della Salute, mentre chi arriva dai Paesi extra Ue ed extra Schengen, dovrà sottoporsi a 14 giorni di quarantena.

All’ingresso dei luoghi pubblici inoltre sarà ancora richiesta la presenza di erogatori di disinfettanti per le mani. Idem per la rilevazione della temperatura con i termoscanner per accedere a uffici e centri commerciali. I locali dovranno essere sanificati con la dovuta frequenza.

La sottosegretario Zampa ha aggiunto che queste misure sono legate al fatto che Covid-19 è ancora tra noi. "Oggi noi siamo sotto sequestro? A me non pare. Con la proroga dello stato di emergenza al 31 ottobre il governo intende continuare a poter assumere in velocità i provvedimenti contro il Covid-19, qualora siano necessari".

"Ma non c'è affatto una richiesta di pieni poteri, piuttosto un proseguimento di quello che è oggi" conclude Zampa. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coronavirus, dal distanziamento in spiaggia a mascherine e trolley in aereo: le regole fino al 31 luglio

FirenzeToday è in caricamento